Don Bosco e i rifiuti

da | 19 Nov 2019 | Giovani

Don Bosco e i rifiuti

da | 19 Nov 2019 | Giovani

Don Bosco e la raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta

 

di don Francesco Motto, SDB, Membro dell’Istituto Storico Salesiano​ per InfoAns

 

Chi l’avrebbe mai detto? Don Bosco ecologista anzitempo? Don Bosco pioniere della raccolta differenziata dei rifiuti a domicilio 140 anni fa?

Si direbbe di sì, stando almeno ad una delle lettere recuperata negli anni scorsi e che confluirà nel IX volume dell’epistolario in preparazione. Si tratta di una circolare a stampa del 1885 che nel suo piccolo – la Torino dell’epoca – anticipa e ovviamente a suo modo “risolveva” uno dei grandi problemi che affronta la società odierna, quella cosiddetta dei “consumi” e dell’“usa e getta”.

Ma vediamo che cosa scriveva Don Bosco [in corsivo le sue parole]. Si tratta di una lettera circolare il cui destinatario è generico, ma è certamente appartenente alle famiglie ricche o benestanti della città. Nella missiva, dopo aver catturato l’attenzione dei suoi interlocutori, Don Bosco presenta subito la possibilità di riutilizzare la spazzatura, nello specifico “le ossa, avanzate dalla mensa e generalmente dalle famiglie gettate nella spazzatura come oggetto d’ingombro” che invece “riunite in grande quantità riescono in quella vece utili alla umana industria”. Don Bosco sa, infatti che “una società di Torino, colla quale mi sono messo in rapporto, ne acquisterebbe in qualsivoglia quantità”.

La proposta del Santo dei Giovani, concordata con la ditta interessata – che probabilmente avrebbe riutilizzato le ossa per farne prodotti alimentari per animali o concimi per la campagna – è che le “benestanti e benevole famiglie di questa illustre città… invece di lasciare che vada a male e torni disutile questo rifiuto della loro tavola, lo vogliano cedere gratuitamente a benefizio dei poveri orfanelli raccolti ne’ miei Istituti”.

Il progetto beneficia tutti quanti: le famiglie, che si liberano di parte dei rifiuti da tavola; la ditta, che è interessata a raccoglierli per riutilizzarli diversamente; Don Bosco, che ne ricava denaro per le missioni… e la città, che rimane più pulita.

Al tempo stesso, è necessario però curare anche tutta l’organizzazione. Settantenne, Don Bosco ha ormai grande esperienza e sa come gestire la cosa: ecco quindi che pianifica la raccolta porta a porta: “A quelle famiglie, che avranno la bontà di aderire a questa umile mia domanda, sarà consegnato un apposito sacchetto, ove riporre le ossa mentovate, le quali verrebbero spesso ritirate e pesate da persona a ciò incaricata dalla società acquisitrice, rilasciandone un buono di ricevuta…. Il sacchetto porterà le lettere iniziali O. S. (Oratorio Salesiano), e la persona che passerà a vuotarlo presenterà pure un qualche segno, per farsi conoscere dalla S. V. o dai suoi famigli[ari]”.

Da ultimo, Don Bosco fornisce anche degli incentivi spirituali per l’adesione – “la gratitudine di migliaia di poveri giovinetti, e … la ricompensa da Dio” – e provvede pure ad elaborare la sottoscrizione del progetto, pensando ad un tagliando da rispedire in risposta alla sua lettera, a mo’ di adesione ufficiale all’iniziativa.

Sarà riuscito Don Bosco nel suo intento? Non lo sappiamo, ma resta il fatto che oltre che ad essere un grande educatore, un lungimirante fondatore, un uomo di Dio, Don Bosco è stato anche un genio della carità cristiana.

Una versione più estesa dell’articolo sarà disponibile ai lettori del Bollettino Salesiano, nell’uscita del prossimo dicembre.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi