Presentazione del Signore

Presentazione del Signore

2 febbraio 2020 – Anno A

Vangelo di Luca 2, 22-40

Commento di suor Gemma Paganini, FMA

 

Grande giorno questo, che fa onore alla tradizione ebraica che voleva, 8 giorni dopo la nascita del primogenito, fosse portato al Tempio per adempiere il precetto della Legge della circoncisione come testimonianza di appartenenza del popolo di Israele a Dio. Maria e Giuseppe, obbedienti alla legge mosaica, compiono l’offerta per riscattare il primogenito; un rito che ricorda che la vita appartiene a Dio e a Lui va riconsegnata.
Da qui, anche il significato di questa giornata dedicata alla Vita Consacrata in cui ogni consacrato/a rinnova l’adesione a Cristo, il dono di sé al Padre.

Siamo davanti ad un quadretto incantevole che sfugge ai più, ma che meraviglia gli occhi di chi è abituato a scorgere lo straordinario nelle pieghe dell’ordinario. Anche Maria e Giuseppe si stupiscono.
Chi è questo uomo, Simeone, che attende Dio?
Chi è questa donna, Anna, che consuma tutti i giorni della sua vita al Tempio?
Che cosa sappiamo di loro? Che cosa ci sfugge? Perché non riusciamo ad andare oltre la soglia del tempio della vita?

Osserviamo i gesti di questi personaggi:

Simeone accoglie il Bambino e benedice Dio: è la gratitudine che sgorga da un cuore che sa riconoscere la presenza divina; è la gioia di colui che, dopo lungo aspettare, incontra finalmente l’Atteso e comprende di aver raggiunto il traguardo. Ora può andarsene da questa terra, ora può guardare con sicurezza al Paradiso, anzi, può soddisfare il desiderio che serba in cuore da sempre: “lascia o Signore, che io vada in pace, perché i miei occhi han visto la tua salvezza”.

Anna: “.[…] lodava Dio e parlava a tutti del Bambino.”
È un cuore che giorno dopo giorno si è riempito di amore fedele, ed ora trabocca e riversa la sua pienezza attorno a sé.

Quanta pace emanano questi due personaggi! Che serenità hanno saputo costruire nella loro esistenza! In questo brevissimo incontro nel tempo è racchiusa l’eternità.
Da questo istante Simeone ed Anna non appartengono più alla terra; sono nell’abbraccio di Dio.
Anche Maria e Giuseppe avvertono che il Bambino va oltre, in un mirabile scambio!
L’umanità è offerta a Dio nella povertà della sua natura fragile e peccatrice ma anche nella ricchezza della divinità che l’ha assunta.

Tutto in un abbraccio umano, che sa di carne, di sentimenti, di emozioni: Maria e Giuseppe porgono il Bambino, Simeone ed Anna lo accolgono. Quanta tenerezza, quanta sapienza in questo gesto! Il Bambino sente che per qualche minuto non è più tra le braccia della madre, ma è tranquillo, si sente al sicuro nel calore di mani che hanno la forza della preghiera quotidiana e la fedeltà del servizio: e il piccolo Gesù si abbandona.

COSA TRARRE DA QUESTO INCONTRO?

Cosa dice a noi oggi che andiamo di fretta, sempre, noncuranti delle briciole di tempo che racchiudono in germe l’eternità?

Circondati come siamo da situazioni violente, da comportamenti barbarici, da parole e gesti che di umano non hanno più nulla; come possiamo godere della beatitudine dei figli di Dio se intorno a noi la vita fatica a mostrare la sua bellezza, se la gioia è quasi scomparsa dal nostro vocabolario?

Da quell’abbraccio al Tempio, antico e sempre rinnovato, troviamo la risposta: la TENEREZZA salverà il nostro mondo; la tenerezza trasformerà i piccoli gesti, le furtive delicatezze che sapremo ancora usare tra di noi, magari arrossendo per un favore fatto o ricevuto; per l’ostinata ricerca della libertà, per il continuo sperare, nonostante tutto, nella vita che continua a fiorire anche là dove si cerca di soffocarla! La tenerezza del nostro volerci bene ci salverà!

Tutto è lì, in quell’abbraccio spalancato al tempio e mai chiuso perché ancora oggi attende quel calore umano che ti fa battere il cuore e ti fa gioire d’amore. Sì, oggi!

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi