5^ Domenica del Tempo Ordinario

5^ Domenica del Tempo Ordinario

9 febbraio 2020 – Anno A

 

Vangelo di Matteo 5, 13-16

 

Commento di suor Laura Agostani, FMA

 

Importante, per capire il Vangelo di questa domenica, è leggere bene la prima lettura, nella quale Isaia, con parole inequivocabili, dice in che cosa consista la vita di chi ascolta la parola di Dio.

“Voi siete il sale della terra […]; voi siete la luce del mondo; […]” dice Gesù. Sale, luce: due elementi necessari alla vita dell’uomo, che possono però essere incapaci di assolvere la loro funzione se il sale diventa insipido e la luce spenta. Così è per la vita del cristiano se la sua fede è solo religiosità esteriore che si accontenta di riti, che non scomoda, che non lo inquieta se non si impegna a rendere la vita più vivibile per i fratelli e le sorelle del mondo.

Nel Vangelo di Giovanni (8,12) leggiamo le parole di Gesù: “Io sono la luce del mondo”; è dunque chiaro che noi cristiani diveniamo luce solo se siamo incorporati a Lui, se rimaniamo in comunione con Lui, se il nostro modo di condurre la vita è ispirato al suo Vangelo.

Enzo Bianchi parla, al riguardo, di “differenza cristiana”: la vita di chi crede in Gesù è “altra” rispetto a quella di chi si ispira ai valori mondani, perché, come dice l’evangelista Giovanni (17, 11-16), il cristiano è chiamato a stare nel mondo senza essere del mondo.

E questo non perché il cristiano disprezzi il mondo, ma proprio perché lo ama, perché cerca umilmente di illuminare i suoi compagni di viaggio su ciò che per la vita autentica è valore e su ciò che invece è solo conformismo alle mode, quindi schiavitù.

Il cristiano è chiamato a libertà come liberazione dagli idoli (potenza, denaro, immagine…) che immiseriscono l’uomo, e la liberazione ha un prezzo: l’attenzione quotidiana alla chiamata ricevuta nel Battesimo, il confronto continuo con la Parola di Dio, il discernimento per capire che cosa nella vita vi è conforme e che cosa invece è sale insipido e luce spenta. È impegno a riprendere sapore e a riaccendersi ogni volta che con umiltà deve riconoscere in sé conformismo ai modelli correnti, incoerenza tra le parole e i fatti.

L’essere sale e luce non è “predicare”, ma, come dice la prima lettura di oggi, è esercitare le opere di misericordia nei confronti dei nostri fratelli più sofferenti e più soli, perché solo allora la nostra preghiera sarà vera e otterrà una risposta.

Ed è anche cercare di coinvolgere in queste stesse opere di bene chi è vicino a noi, per rendere più facile la vita di tutti, perché la fraternità a poco a poco subentri all’individualismo, l’umiltà all’arroganza, la solidarietà all’egoismo, la verità alla menzogna, gli ampi orizzonti alla chiusura su se stessi e sui propri piccoli o grandi interessi.

E tutto questo non per farci lodare, ma perché sia data gloria a Dio, autore della luce, della bellezza, del sapore, di tutto ciò che è giusto, grande, buono e degno di lode.

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi