4^ di Quaresima

4^ di Quaresima

22 marzo 2020 – Anno A

Vangelo di Giovanni 9,1-41

Commento di suor Michela Consolandi, FMA

 

Il nostro cammino di Quaresima è ormai arrivato alla quarta domenica, chiamata dalla liturgia anche domenica “in laetare”. Il motivo di questa gioia è esplicitato nell’antifona di ingresso: “Rallegrati, Gerusalemme, e voi tutte che l’amate, riunitevi. Esultate e gioite, voi che eravate nella tristezza: saziatevi dell’abbondanza della vostra consolazione” (cfr Is 66,10-11). Dunque, la gioia per una consolazione ormai alle porte, per la luce della Pasqua che già dirada le tenebre della morte.

Ed è proprio sul binomio “luce-tenebre” che le letture odierne si concentrano, in particolare il Vangelo, con la narrazione dell’episodio della guarigione del cieco nato. La scorsa domenica Gesù ha promesso alla Samaritana acqua “viva”, oggi si rivela come “luce del mondo” e la prossima domenica, con l’episodio della resurrezione di Lazzaro, si presenterà come “resurrezione e vita”. Acqua, luce e vita: si tratta di tre elementi battesimali, che ritroveremo nella grande veglia pasquale nei segni del fuoco, dell’acqua e nella liturgia tutta, ad indicare che la quaresima non è un cammino distinto, ma la preparazione alla celebrazione del mistero pasquale.

Il Vangelo di oggi si apre con una domanda da parte dei discepoli: “Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?”. Certamente a noi suonano molto strane queste parole, che però riflettevano la mentalità dell’epoca secondo la quale la malattia era conseguenza del peccato.

Gesù risponde in maniera inaudita: “Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è perché in lui siano manifestate le opere di Dio”; e, fatto del fango, con un gesto che ricorda la creazione, guarisce quel mendicante.

Il resto del racconto è un susseguirsi di interrogativi da parte dei farisei, un vero e proprio processo al cieco ormai guarito circa l’identità di Gesù, denunciato per aver compiuto guarigioni in giorno di sabato.

Troviamo quindi almeno tre modi diversi di porsi di fronte al tema delle tenebre, e, più in generale, a quello del dolore: i discepoli cercano il colpevole, in quella logica di “causa-effetto” tanto diffusa ai giorni nostri; i farisei non si lasciano scalfire neppure davanti all’evidenza della guarigione e si chiudono nelle loro sicurezze, decidendo quindi di non vedere. E il cieco? È colui che, umilmente, lascia che le sue tenebre vengano attraversate e illuminate dalla luce.

Se pensiamo alla vita di tanti santi, il momento delle tenebre è stato quello attraverso cui la luce della Grazia è entrata nella loro vita: san Paolo, raggiunto da Dio mentre era omicida; Sant’Agostino, che ha vissuto per molto tempo in modo dissoluto; Santa Maria Domenica Mazzarello, che ha fatto della malattia del tifo il luogo della rivelazione della sua vocazione.

Gesù dunque non pensa ad eventuali colpe, ma fa della tenebra l’occasione per il trionfo della Luce. Il problema quindi non è l’essere cieco, ma la non disponibilità a farsi guarire. Infatti, al termine del brano, Gesù, rivolgendosi ai farisei, afferma: “Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: ‘Noi vediamo’, il vostro peccato rimane”.

Viviamo questi giorni di Quaresima nell’atteggiamento del cieco nato, lasciando entrare Dio nelle tenebre delle nostre paure, delle apprensioni che viviamo e dei nostri peccati. Non facciamoci vincere dall’orgoglio di potercela fare da soli, guariamo dalla miopia che ci fa sentire “sani” e apriamo gli occhi della fede per scorgere la luce di Dio che sa illuminare la profondità della nostra anima.

Soltanto così la fiamma del cero pasquale che illuminerà le nostre chiese buie nella notte santa non sarà un gesto come altri, ma la nostra stessa realtà di passaggio dalla morte alla vita.

 

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi