Ascensione del Signore

Ascensione del Signore

24 maggio 2020 – Anno A

Vangelo di Matteo 28, 16-20

Commento di suor Maria Vanda Penna, FMA

 

“IO SONO CON VOI TUTTI I GIORNI…”

Ecco la grande promessa.

Siamo alla fine del Vangelo di Matteo, che non racconta l’Ascensione di Gesù; la sostituisce con questa promessa che la sottintende: infatti, solo una presenza totalmente altra da quella fisica, che è legata allo spazio e al tempo, la può rendere possibile.

Gli undici, dice Matteo, vanno in Galilea, secondo la parola di Gesù.

Sul monte. Non ci sono indicazioni geografiche precise, ma ce n’è una importantissima perché ‘teologica’: sul monte Gesù aveva proclamato le Beatitudini, la nuova legge del Regno. Ora, sul monte, rivela agli apostoli ‘l’orizzonte della missione universale’. Da dove tutto era incominciato, parte un nuovo inizio.

Sul monte gli apostoli incontrano Gesù e lo adorano, cioè si prostrano davanti a lui: ormai ne riconoscono la presenza. “Essi però dubitarono”- dice Matteo. Così traduce la versione ufficiale CEI 2008. Più ottimista la Bibbia di Gerusalemme: “Alcuni però dubitarono”. Tutti o alcuni? Interrogativo degno di tanta meditazione, capace di risvegliarci, come ha svegliato gli Apostoli, che, tutti, hanno poi dato la vita per Lui.

Gesù, che vede il cuore, certamente legge il loro dubbio, ma non li rimprovera, né fa loro discorsi morali o dottrinali. Glielo fa superare con un annuncio che apre orizzonti universali: “A me è stato dato ogni potere in cielo e in terra. Andate. Fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo…”.

Il comando ‘fate discepoli tutti i popoli’ affida agli apostoli un compito straordinario. Attraverso l’annuncio del Vangelo e il Battesimo, cioè l’inserimento nella vita di Cristo, quindi nel popolo di Dio, le genti potranno accogliere le parole di Gesù, che trovano la loro sintesi nel comandamento dell’amore.

I cuori induriti dal dubbio, come talvolta sono i nostri, possono confrontarsi con queste parole, che non hanno niente di potere mondano, e sciogliersi in un profondo atto di fede, quindi di consegna a Lui. Perché solo così si potrà andare ad annunciare.

Conclusa, infatti, la presenza fisica di Gesù nel mondo, l’annuncio del Regno è affidato ai discepoli, a noi. Siamo noi che nell’ascolto della Parola e nell’Eucaristia abbiamo ‘visto’ e ‘toccato’ e non possiamo tacere; che vuol dire: annunciare con la vita. Abbiamo una grande responsabilità, ma Gesù è con noi, con ciascuno di noi, ogni giorno, per sempre. E si tratta di una presenza viva, dinamica, orientata alla diffusione del Vangelo in tutto il mondo per dare alla storia il suo senso vero e guidandola alla realizzazione definitiva del suo Regno alla fine dei tempi.

Avvertire nella fede, non sensibilmente, la sua presenza ‘di fuoco’ che brucia e non consuma, come il cespuglio di Mosè, ci dà la forza di testimoniare il Vangelo, ed è ancora la sua presenza che ci preserva dall’indurimento del cuore, facile a prodursi nel tempo dell’attesa. Stanchezza, preoccupazioni quotidiane, timori per il futuro … possono tentarci a lasciare che le cose vadano e a non riconoscere il suo passo accanto al nostro. Eppure Lui l’ha promesso:

“… sempre, fino alla fine del mondo”. Lui c’è e, se ascoltiamo la sua parola e crediamo, troviamo la forza di testimoniare la certezza del suo amore, che si fa speranza e fiducia, anche nel tempo di insicurezza  e di timore che stiamo attraversando.

Se non noi, suoi discepoli, chi può dire oggi agli uomini e alle donne, ai giovani, la Parola che salva?

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi