4^ Domenica dopo Pentecoste

28 giugno 2020 – Anno A

Vangelo di Luca 17,26-30.33

Commento di suor Susanna Anzini, FMA

 

Il vangelo di questa domenica ci pone di fronte alla prospettiva della fine dei tempi. Già la prima lettura ci introduce in questo argomento presentandoci Dio che comunica a Noè la sua decisione di distruggere la terra, invitandolo a costruire un’arca per salvarsi assieme alla sua famiglia.

Ciò che gli uomini facevano ai tempi di Noè (mangiare, bere e sposarsi) e ai tempi di Lot (mangiare, bere, comprare, vendere, piantare e costruire) non sono di per sé azioni negative, ma la negatività è data dal fatto che sono tutte svolte nell’unica prospettiva dell’io. Ognuno pensa per sé, cerca di salvare la propria vita, facendo ciò che è vantaggioso, senza rendersi conto degli altri. Tutto questo ci porta a vivere una vita piena di affanni, di corsa, pensando solo a raggiungere il proprio scopo, spesso generando ingiustizia e miseria per gli altri.

La frase finale del vangelo, però, ci avverte che così facendo in realtà perdiamo la nostra vita, mentre è solo spendendola per gli altri, che possiamo davvero guadagnarla, mantenerla davvero viva.

Credo che questi tempi che abbiamo vissuto ci abbiano regalato davvero tante testimonianze di persone che hanno concretamente saputo spendere e perdere la propria vita per gli altri. Di fronte a questi numerosi esempi di eroicità quotidiana, spesso vissuta anche nel silenzio e nel nascondimento di chi semplicemente compiva il proprio dovere con zelo e abnegazione, abbiamo delle responsabilità in più.

Siamo un po’ come Noè sceso dall’arca: abbiamo la possibilità di ripartire dopo mesi in cui ci è stata data, come mai prima, la possibilità di fermarci a riflettere. Sta a noi scegliere se rincominciare a vivere come prima, pensando solo a noi stessi e ai nostri interessi, oppure se cambiare davvero, rendendoci conto degli altri intorno a noi, decidendoci a spendere la vita per il bene.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi