L’Italia provvisoria

da | 8 Giu 2020 | Libri, Genitori

L’Italia provvisoria

da | 8 Giu 2020 | Libri, Genitori

Era il 1947, l’Italia era appena uscita da una sanguinosa guerra. Era già iniziato il dopoguerra, con altri strascichi di odio e violenza fratricidi, e pertanto non era ancora la pace.

Questo è il tema del fulminante inizio dell’introduzione – anzi, CHIARIMENTO – al volume ITALIA PROVVISORIA, singolare opera editoriale che l’estro ed il genio di Giovannino Guareschi inventarono, mettendo insieme in un singolare collage ritagli di giornale, fotografie, racconti d’intonazione umoristica o satirica e racconti d’intonazione polemica o sentimentale.

Siamo in un periodo simile, anzi forse più complicato. Perché in questo momento la guerra non è ancora finita, ed anche perché i nemici sono tanti: il virus, certo, ma anche il sospetto, l’indifferenza, la pigrizia, la chiusura, la depressione di cui tutti possiamo essere preda dopo un periodo così incerto e difficile.

Ho deciso di usare il mio blog per pubblicare – a intervalli non regolari – alcuni degli scritti contenuti nel volume. Tema principale: sconfiggere la retorica con la potente e salutare arma dell’umorismo. Ma anche riflettere, talvolta commuoversi, sempre fare i conti con la propria ragione, e Dio sa quanto ne abbiamo bisogno ora e ne avremo bisogno nei prossimi tempi. Insomma, credo che questi scritti di più di settanta anni fa possano ammaestrare il nostro oggi, il nostro ora.

Il che è bello ed istruttivo.

Foto segnaletica di Giovannino Guareschi del Lager di Sandbostel

 

CHIARIMENTO

Dopo la guerra non viene subito la pace, ma tra la guerra e la pace stanno il “dopoguerra” e “l’antepace. Tra la guerra e la pace accadono dei fatti, parte dei quali negativi, in quanto appartengono ancora alla guerra, e parte positivi in quanto appartengono già alla pace.

Quando i fatti negativi superano i positivi, questo è il dopoguerra. Quando i positivi superano i negativi, questo e l’antepace.

Abbiamo superato il punto morto: il dopoguerra è finito, e possiamo voltarci indietro.

Chi sa leggere si avvedrà facilmente che questo album, per quanto raccolga più che altro testimonianze di vicende tristi o strampalate, è, in fondo, un libro confortante perché, pur se taluni fatti dolorosi ivi ricordati sono di oggi, si sente che essi sono già nel passato: che appartengono a una mentalità superata, a un mondo morto.

Questi brandelli di carta ripescati in mezzo alla paccottiglia deteriore del dopoguerra parlano tutti di cose lontane, ormai, anche se accadute due giorni fa. E vuol dire che, se i nostri corpi e le nostre vicende materiali si trovano ancora nel dopoguerra, il nostro spirito ha già saltato il fosso ed è già nell’antepace.

Questo volumetto non ha pretese di nessun genere: vuol essere semplicemente un promemoria. Sfogliando queste pagine sarà agevole ritrovare il clima e il disagio del dopoguerra. E ciò può essere molto utile, come termine di riferimento e come monito.

Canzonette, nuovi inni, nuove teorie, poesie, annunci economici, cartelli di propaganda, ritagli di giornale costituiscono la parte illustrativa del volumetto; quella parte cioè che documenta il travaglio spirituale espresso nei racconti e nelle favolette. Cartaccia, spazzatura, si dirà: ma è proprio nella pattumiera che, a saper leggere nelle cose, si trova scritta la storia segreta di una famiglia.

E con questi brandelli di carta stampata ho cercato di comporre – come lavorando con i tasselletti del mosaico – il volto un po’ bieco e un po’ cretino di quella “Italia Provvisoria” che molti ingenui han creduto potesse essere l’Italia dell’avvenire.

Oggi si incomincia a ridere di questa Italia provvisoria. Domani ce ne vergogneremo, e allora avremo ritrovato la nostra dignità di uomini civili e sarà la pace.

Milano, novembre 1947

L’AUTORE

 

Fonte: waltermuto.it

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi