8^ Domenica dopo Pentecoste

26 luglio 2020 – Anno A

Vangelo di Matteo 4, 18-22

Commento di suor Rita Fallea, FMA

 

Mettendoci in ascolto della Parola di oggi ci troviamo di fronte al tema della chiamata.

Di quali chiamate, in particolare?

  • di Samuele, prima lettura Sam 3, 1-20;
  • di Paolo, seconda lettura Ef 3, 1-12;
  • dei discepoli Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni, Vangelo Mt 4, 18-22;

E infine, ma per nulla trascurabile: la tua chiamata, Salmo 62 (63).

La chiamata, un tema che ci può apparire scontato, già noto…
Ormai ne sappiamo moltissimo!
Eppure…
Solitamente consideriamo il termine sapere con un’accezione principalmente cognitiva: lo utilizziamo per esprimere che conosciamo determinate informazioni, e diciamo, giustamente, che le sappiamo perché siamo in grado di riportarle alla memoria, le ricordiamo.
A voler ben indagare nelle parole scopriamo che sapere può voler dire avere il sapore, il gusto; conoscere vuol dire frequentare, cioè stare frequentemente con, impiegare del tempo con; e, infine, ricordare portare nel cuore.
Si può parlare quindi di una memoria incarnata, diffusa nella persona che la permea interamente, la quale arriva ad avere il sapore della vocazione

Qual è il sapore della vocazione?
Tale sapore è sicuramente quello di colui che chiama, che s’incontra con quello della persona chiamata. Infatti il Signore non chiama nel mucchio, indistintamente, senza nome, ma dice: Samuele, Paolo, Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni… Conosce ciascuno per nome e con quel nome (che significa l’interezza della persona) lo chiama.
Il tuo nome e il nome del Signore si incontrano e danno alla tua vita il sapore particolare della tua vocazione.

Oggi la liturgia ci propone inoltre la preghiera del salmo 62.
Così ci addentriamo nella tua chiamata, quella che oggi il Signore rivolge a te.
Il salmo ha la forma della preghiera ed in questo caso esprime un profondo desiderio di Dio, di cui il salmista si fa voce: O Dio, tu sei il mio Dio, dall’aurora ti cerco…
Sempre c’è in noi un desiderio di Dio, flebile e fragile, che nel rumore quotidiano corre il rischio di soffocare. Così il Signore deve rivolgersi a Samuele di notte, momento in cui il giovane non è turbato da molte cose (prima lettura Sam 3, 1-20).
Sempre c’è in noi un desiderio di Dio, anche nelle molte occupazioni, ma si trova spesso in bilico tra due scelte, a rischio di essere accantonato. Così il Signore si fa presente anche lì e chiama[1]. Il Vangelo (Mt 4, 18-22) ci racconta infatti la chiamata di Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni: Gesù sta passando mentre loro sono intenti alle loro quotidiane operazioni di pescatori.
Il Signore chiama di notte e di giorno: dunque chiama sempre.
Risvegliare questa coscienza del Signore che chiama è fondamentale: altrimenti perdiamo la possibilità di frequentarlo, di conoscerlo intimamente, di gustare in noi il sapore della sua chiamata, di ricordare il sapore di Cristo.
Ecco perché quest’oggi possiamo soffermarci davanti al Signore rileggendo il salmo 62, poi possiamo lasciarlo risuonare in noi anche nei prossimi giorni. Chiediamo al Signore di far crescere in noi il desiderio di lui, di farci sperimentare la tenerezza della sua presenza.

La Parola è preghiera che riconduce a Dio il nostro cuore disperso, la sosta nell’ascolto non è perdita di tempo, ma tempo fecondo, che a suo tempo, lentamente, darà frutto, ma che già da ora mette piccole radici e getta i primi verdi germogli…

Maria, madre della Parola,
ci accompagni  e ci guidi
nel frequentare, gustare e ricordare
il sapore di Cristo!

 

 

[1] A cosa chiama? Ecco, nella lettera di San Paolo di oggi (Ef 3, 1-12) troviamo l’annuncio “che le genti sono chiamate, in Cristo Gesù, a condividere la stessa eredità …”; a condividere cioè la comunione intima e filiale con il Padre, in Gesù Cristo, per mezzo dello Spirito Santo.

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi