25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A

Vangelo di Matteo, 20, 1-16

Commento di suor Susanna Anzini, FMA

 

Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed entrare in quella di Dio.

Il primo personaggio che incontriamo, in questa parabola, è il padrone della vigna, che cerca operai. Si comprende subito come la sua vigna gli stia a cuore: esce lui stesso, all’alba, per cercare chi la coltivi. Il lavoro è molto, ce n’è per tutti: il padrone non si stanca di uscire di casa per chiamare altri operai, alle nove, a mezzogiorno, alle tre e ancora alle cinque, quando ormai la giornata è quasi giunta al termine.

Già questa prima parte della parabola ci parla di Dio, un Dio che va continuamente in cerca dell’uomo, per poter realizzare insieme il sogno di Dio sull’umanità. Questo lo possiamo intendere sia come una vocazione ad una speciale consacrazione, sia come le numerose chiamate che Dio fa, ogni giorno, nella vita di ciascuno.

Nella seconda parte della parabola, invece, viene descritta la retribuzione degli operai.

Il padrone si dimostra generoso, a coloro che hanno lavorato un’ora appena dà un denaro. Si crea, negli altri operai, ma anche in noi che leggiamo, un’aspettativa: se gli ultimi ricevono un denaro per un’ora di lavoro, quanto di più spetterà a coloro che hanno faticato, sotto il sole, per un giorno intero? Quest’attesa però viene delusa: i primi ricevono tanto quanto gli ultimi. Questo porta gli operai della prima ora a mormorare contro il padrone, che però fa notare loro che non ne hanno motivo: hanno ricevuto quanto era stato concordato.

Il risentimento degli operai ci sembra comprensibile: ci verrebbe da dire che non è giusto. Anche se effettivamente il padrone paga quanto era stato promesso, ci sembrerebbe più corretto che ricevessero un po’ di più. Per natura siamo portati a confrontarci con gli altri: se ho fatto di più, mi spetta di più. Quanto è difficile gioire per la felicità degli altri!? Altri che magari hanno trascorso la giornata in ansia, perché nessuno lì aveva chiamati a lavorare e dunque quel giorno non avrebbero portato a casa nulla, o che si sono sentiti scartati, esclusi e messi da parte: nessuno li aveva presi a giornata, nessuno li voleva. Il padrone è buono, accoglie tutti nella sua vigna: c’è posto per tutti, nessuno escluso.

Dio, il padrone della vigna, quando chiama, non chiede una prestazione di lavoro, chiede di entrare in relazione con Lui, di essere a nostra volta dono per i fratelli. Allora la “paga”, il cento per uno che dà a chi lavora per Lui, è uguale per tutti e diventa davvero un motivo di grazie per la sua infinità bontà.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi