2^ Domenica di Avvento – Anno B

2^ Domenica di Avvento

Vangelo di Matteo 3,1-12

Commento di suor Simona Bisin, FMA

  

La figura di Giovanni il Battista, che troviamo in questa seconda domenica di Avvento, ci porta già al mistero del Natale: “Il Regno dei cieli è vicino” e ci indica la conversione come condizione per riconoscerlo e accoglierlo.

Giovanni Battista è presentato, nel suo abbigliamento e nelle sue abitudini alimentari, come uno degli antichi profeti che con la sua parola invita a preparare la strada, a dilatare il nostro desiderio affinché la nostra realtà creaturale si apra alla verità della promessa e muova al cammino. Egli è il profeta che sta sulla soglia tra il passato e il futuro; egli è la “voce” che si mette a servizio della “Parola”: è annuncio di un Altro che viene e verso il quale tutti devono orientarsi, cioè convertirsi.

Mi soffermo su due aspetti che ritengo legati tra di loro: il deserto e la conversione.

“Preparate la via al Signore che viene” grida Giovanni nel deserto. Ma perché grida una cosa così importante in un luogo disabitato?
Il deserto, secondo la tradizione biblica, è il luogo dell’intimità, ma soprattutto della purificazione. Esso è elemento necessario nell’itinerario spirituale di ogni cristiano: solo nella solitudine del deserto è possibile percepire la voce che chiama alla conversione, al cambiamento di vita, cominciando dal modo di pensare per arrivare a qualsiasi espressione del nostro agire. Il silenzio del deserto ci permette di custodire il nostro cuore, ci aiuta a discernere, ad acquistare la capacità di distinguere ciò che arde veramente nel nostro cuore.

La conversione è opera di Dio, ma avviene solo se, stupiti e affascinati dalla Sua bellezza, lasciamo a Lui lo spazio per entrare nella nostra vita e orientarla a Lui. Convertirsi significa riconoscersi figli di Dio e percorrere la strada di ritorno verso il Padre. Giovanni il Battista ci propone la figura di Abramo per aiutarci in questo cammino. Abramo “il padre nella fede”, colui che si è fatto figlio di Dio mediante l’ascolto della sua Parola e mediante l’obbedienza nella fede. Una fede non basata sulla sterile osservanza di precetti, ma sulla vita dello Spirito capace di aprire i nostri cuori alla carità e percorrere le vie inedite dell’amore.

Solamente con il battesimo di Spirito Santo e fuoco, contrapposto a quello di Giovanni, con acqua, l’uomo verrà trasformato e porterà frutto.

In questa seconda settimana di Avvento chiediamoci come stiamo preparando la strada al Signore che viene e proviamo a far nascere, nel silenzio e con la forza dello Spirito, gesti di bene e di solidarietà verso i nostri fratelli, segni di un cuore rivolto a Dio.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi