2^ Domenica di Pasqua

2^ Domenica di Pasqua
11 aprile 2021
Vangelo di Giovanni 20,19-31
Commento di suor Michela Consolandi, FMA

 

È ormai passata una settimana dalla Domenica di Risurrezione e, forse, i sentimenti e i messaggi augurali che ci si è scambiati in quel giorno sono soltanto un ricordo, una parentesi che si è chiusa a contatto con il ritmo quotidiano che ha ripreso a dettare legge nelle nostre agende.

Ma la liturgia odierna sembra proprio volerci offrire alcune piste di cammino e accompagnarci nel vivere da risorti proprio lì dove si snoda la nostra, spesso monotona, esistenza quotidiana.

Con questa domenica termina infatti l’“Ottava di Pasqua”, gli otto giorni che la liturgia celebra con particolare solennità, ad indicare la sovrabbondanza della ricchezza e dei doni racchiusi nel mistero della nostra salvezza; la gioia della risurrezione si prolunga poi per tutto il tempo di Pasqua, da celebrarsi “come un solo giorno di festa, anzi, come la grande domenica” (Norme generali per l’ordinamento dell’anno liturgico e del calendario, n.22), fino ad arrivare alla Pentecoste.

Inoltre, in questa domenica, chiamata “Domenica in Albis depositis”, letteralmente: “domenica in cui le vesti bianche vengono deposte” i neofiti, battezzati nella veglia pasquale, deponevano la veste bianca indossata per tutta la settimana dell’Ottava, portando da quel momento nella propria quotidianità la vita divina ricevuta.

Sembra quindi che tutto incoraggi a riprendere il cammino quotidiano con la nuova luce scaturita dall’incontro con il Risorto. Ma come tradurre in parole, gesti e atteggiamenti il grande annuncio ricevuto nella notte santa? E quali le tracce del Signore Risorto nelle nostre polverose strade?

Il Vangelo, ancora una volta, ci viene in aiuto, con la nota pericope, divenuta persino proverbiale, dell’apparizione di Cristo risorto a Tommaso. La ricchezza di questa pagina e le numerose riflessioni che lo Spirito Santo ha suscitato lungo i secoli meriterebbero una lunga trattazione; qui vorrei soltanto dare alcune pennellate, nella certezza che la Grazia opererà in ciascuno secondo la sete del proprio cuore.

La vicenda narrata copre un arco di tempo di una settimana: inizia infatti “la sera di quel giorno, il primo della settimana” e termina “otto giorni dopo”.

La sera di Pasqua, infatti, Gesù appare ai discepoli, radunati con le porte chiuse per timore dei giudei, offrendo il dono della sua pace e mostrando, quale segno di sicuro riconoscimento, le mani e il fianco, segni della passione. Consegnando il mandato missionario, dona loro lo Spirito Santo e il potere di perdonare i peccati: “Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati”.

Quella sera, però, Tommaso non è presente con gli altri, i quali gli annunciano il sorprendente incontro. Come è noto, egli si mostra incredulo, affermando, quale condizione per la propria adesione, la necessità di dover vedere e toccare quelle piaghe gloriose. È così che otto giorni dopo il Risorto entra nuovamente a porte chiuse nel luogo in cui sono radunati i discepoli e, donando la sua pace, offre all’apostolo la possibilità di concretizzare quanto richiesto.

Da tale incontro scaturisce la più bella professione di fede di tutto il Nuovo Testamento: “Mio Signore e mio Dio!”, alla quale segue la beatitudine di Gesù per coloro che “non hanno visto e hanno creduto”.

Andando oltre una lettura superficiale, che rischia di attribuire all’apostolo una connotazione solamente negativa, è possibile scorgere alcuni passaggi che rivelano la profondità della sua ricerca e il significativo sostegno che la sua esperienza può offrire alla nostra fede.

Si può infatti notare come Tommaso chieda di vedere e toccare non il Gesù della Domenica delle Palme, ma il crocifisso risorto. La risurrezione non è l’annullamento del Venerdì Santo, ma il suo compimento. L’apostolo chiede di vedere “nelle sue mani il segno dei chiodi”, di mettere il “dito nel segno dei chiodi” e la sua mano nel fianco di Cristo.

Probabilmente, se ci fosse stata posta la stessa domanda, avremmo chiesto altri segni, magari più gloriosi e, forse, anche più vincenti nella nostra risposta di fede. Non di certo il momento in cui, come discepoli, si è abbandonato il Maestro o, addirittura, lo si è rinnegato e tradito.

Tommaso invece, ritiene ormai che il risorto sia riconoscibile dai segni che rivelano la radicalità del Suo amore per l’uomo. Afferma S. Agostino: Tommaso “vedeva e toccava l’uomo, ma confessava la sua fede in Dio, che non vedeva né toccava. Ma quanto vedeva e toccava lo induceva a credere in ciò di cui sino ad allora aveva dubitato”.

A buona ragione Giovanni Paolo II volle intitolare questa domenica alla Divina Misericordia, in occasione della canonizzazione di suor Maria Faustina Kowalska, nel 2000; le piaghe gloriose sono infatti il segno indelebile nei secoli della misericordia di Dio, che supera ogni pretesa di merito umano, che invece imprigiona in una sorta di delirio di onnipotenza.

Questa pericope ci annuncia anche un’altra importante realtà: le ferite e le piaghe non sono un incidente di percorso, ma sono state sperimentate e portate da Gesù nell’eternità; esse, quindi, possono diventare feritoie di salvezza.

Benedetto XVI, commentando questo brano, afferma che:

“Le ferite sono per noi il segno che Egli ci comprende e che si lascia ferire dall’amore verso di noi. Queste sue ferite come possiamo noi toccarle nella storia di questo nostro tempo! […] e come costituiscono per noi un dovere di lasciarci ferire a nostra volta per Lui!”.

 

Ecco allora che l’incredulità di Tommaso ci conforta nelle nostre insicurezze e ci mostra come il Signore accompagni anche la nostra fede incerta all’incontro con Lui. La sua confessione di fede è segno di un’esistenza che si riconosce redenta.

Ecco allora che il modo nuovo con cui vivere la nostra quotidianità non può che scaturire dal lasciarci riempire il cuore dalla misericordia di Dio, nella certezza che le piaghe presenti in noi e attorno a noi possono diventare luoghi di incontro con il Risorto.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi