4^ Domenica di Pasqua

da | 24 Apr 2021 | Commento al vangelo

4^ Domenica di Pasqua
25 aprile 2021
Vangelo di Giovanni 10, 27-30
Commento di suor Cristina Merli, FMA

 

Vorrei poterlo dire con verità: faccio parte dei tuoi, di quelli che ascoltano la tua voce, che la riconoscono dal timbro prima che dal linguaggio, che sentono profumo di casa nella melodia delle tue parole, che provano un sussulto quando arriva l’eco del tuo richiamo.

Vorrei poterlo affermare con certezza: faccio parte dei tuoi, di quelli che ti seguono, che modulano il loro andare sul tuo, che ti vengono dietro senza esitazione, che non disperdono i loro passi dietro false promesse di felicità.

Ma no, non si può. Con quale coraggio? C’è la fatica dello scorgerti nelle pieghe della vita, c’è il riconoscere le strade alternative più agevoli percorse durante la giornata, c’è la consapevolezza di essere spesso come il terreno con i rovi che accoglie il seme della tua Parola con entusiasmo e poi la lascia soffocare dalle preoccupazioni.

Non posso. Eppure Tu lo affermi, con decisione. “Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono”. E se lo dici Tu, non può che essere vero. Allora provo a crederci. E ti ascolto.

Io le conosco” (v.27). Ci conosci più di ogni altro, più dei genitori, più della moglie o del marito, più dell’amica e del figlio, più di noi stessi. Tu ci conosci fino in fondo perché sei tu che ci hai tessuti nel seno di nostra madre (Salmo 139).

Io do loro la vita eterna” (v. 27). Ora, presente indicativo, ci doni vita che non muore, la vita che apre, la vita che serve, la vita in abbondanza. Non in un futuro lontano o dopo il buio della morte, ma dentro il buio stesso della vita.

E non andranno perdute in eterno” (v. 28). Anche se percorriamo strade sbagliate, anche se non sempre ti sappiamo riconoscere, anche se ascoltiamo spesso altre sirene. Non andremo perdute non per la nostra capacità di ritrovare da soli la strada dentro la selva oscura, ma per il dono che ci fai di amici che ci vengono incontro e ci accompagnano.

E nessuno le strapperà dalla mia mano” (v. 28). Possiamo anche lasciarla, la tua mano, e seguire altre promesse di felicità, ma Tu hai fatto il nostro cuore per la verità, per Te, e quando si allontana da Te prova una struggente nostalgia.

Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre” (v. 29). Strano dono ti ha fatto il Padre: noi. Confusi e scombinati come siamo. Eppure sei disposto a custodirci fino alla fine e non permetterai a nessuno di portarci via da Te. Perché è così, la Tua grazia è più forte di qualsiasi altra forza.

Allora, forse, Gesù, in virtù di questa grazia e solo in virtù di questa grazia, anche noi possiamo dire: facciamo parte dei tuoi, di quelli che ascoltano la tua voce e che ti seguono. Perché sei Tu che ci rendi capaci di ascoltarti e di seguirti.

Ed è questo ciò che desideriamo più di ogni altra cosa.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi