Passi, pace e passi ancora

Sembra quasi un controsenso: in questo tempo di lockdown, divieti, chiusure, di “zone rosse” i Vangeli della Pasqua raccontano di grandi movimenti, di innumerevoli passi, di gente che corre, di importanti incontri e di inviti ad andare.

Quanti passi ha compiuto Gesù in questo cammino verso la sua Passione e Resurrezione, non solo quelli dolorosi sulla strada del Calvario, ma anche quelli amorevoli per recarsi alla casa degli amici di Betania, quelli festosi per entrare in Gerusalemme, quelli drammatici verso l’orto degli ulivi, quelli silenziosi nei falsi tribunali dei Giudei e dei Romani! Quanti passi!

E poi ancora!

 

Dopo il “fermo immagine” di quel santo venerdì, inchiodato a quella Croce di salvezza – dove a muoversi era un amore inarrestabile – e il silenzio sospeso del sabato, “sigillato” nel sepolcro muto, ecco di nuovo il succedersi di altri passi.

I passi di chi va triste alla tomba e torna colmo di gioia e di stupore; i passi di chi corre per toccare con mano, i passi di chi racconta di incontri che non possono essere trattenuti…

E i passi di Gesù, con quei piedi segnati dalle ferite dei chiodi, segno incancellabile del dono totale di sé; Gesù che, di nuovo, ancora una volta, fa il primo passo e va dai suoi fratelli per dare loro coraggio, per riaccendere la fede, per portare la pace nei loro cuori spaventati, tristi e delusi, per dire che non c’è amore più grande di chi dà la vita per i propri amici! “E voi siete miei amici!”.

Passi che portano la Pace, passi che superano le barriere, i muri, le incertezze e che mandano!

 

Sì, perché noi possiamo anche andare alla casa degli amici, possiamo salire al Calvario, possiamo recarci al sepolcro, ma se Cristo non ci viene incontro, la nostra fatica è vuota; se tutto non parte dall’incontro con Gesù, non sapremo dare la vita, se non è Lui a inviarci ai fratelli e alle sorelle, non sapremo oltrepassare la soglia delle nostre stanze e non potremo portare Lui nel nostro annuncio.

Abbiamo bisogno che i passi di Gesù attraversino le nostre porte, entrino nelle nostre case e portino la sua Pace, la pace che lenisce le ferite e dà coraggio, la pace che ha il sapore della fraternità e insegna a perdonare, a ricominciare, anche a dare la vita; la pace che invita ad andare ad annunciare a tutti la gioia che ci abita!

Ecco il mio augurio, in questa Pasqua di Resurrezione! Lasciamoci incontrare dal Risorto, mettiamo i nostri passi nei suoi, lasciamoci colmare della gioia del suo amore che vince la morte e usciamo dai nostri cuori chiusi e appesantiti, muoviamo anche noi i nostri piedi, pure se stanchi e feriti, per rischiare la bellezza di riconoscerci “fratelli tutti” e di essere portatori della Pace che riaccende la Speranza!

Auguri di cuore!

 

Sr Maria Teresa Cocco

 

Fino a dare la vita

Rendendosi conto che non poteva fermarlo, il giovane volontario salesiano lo abbracciò strettamente dicendo: “Morirò, ma non ti farò entrare in chiesa”. Così il giovane e il kamikaze morirono insieme. Cari lettori del Bollettino Salesiano, mi piace molto raccontare...

La scuola non si cambia accessoriandola

di Marco Pappalardo   Ora che gli insegnanti hanno iniziato le attività di preparazione per il nuovo anno scolastico, speriamo ci si metta presto alle spalle il continuo dibattito sul “Green Pass”, risolvendo la modalità di controllo nel più breve tempo...

Amati e Chiamati – #makethedream

PROPOSTA PASTORALE 2020/2021 AMATI E CHIAMATI “Renditi forte, umile e robusto” #MAKETHEDREAM Nel secondo anno in preparazione al bicentenario del “sogno dei nove anni”, poniamo al centro le parole di Maria che invitano Giovannino Bosco a lavorare sul suo carattere, ad...

“L’anno prossimo a Gerusalemme”

Hashana haba’a b’Yrushalayim (השנה הבאה בירושלים), ovvero “L’anno prossimo a Gerusalemme”, è la promessa che ci si scambia durante la Pasqua ebraica. È la promessa di ritrovarsi “a casa”, di poter tornare là dove tutto è nato, dove sono le radici, dove Dio si è...

Volontariato: patrimonio da accudire

Di Luigino Bruni   La crisi del Covid ha fatto capire meglio alcune cose sul volontariato. Ha fatto capire soprattutto che cosa è la cura, che cosa è questo bene maltrattato, malpagato, questo bene non stimato in quanto bene relazionale che è la cura. Anche se il...

Olimpiadi, invito alla santità

di Philip Kosloski San Giovanni Paolo II credeva che le Olimpiadi potessero essere una fonte di ispirazione per la nostra vita spirituale, incoraggiandoci a mirare alla perfezione   Ogni quattro anni, il mondo si lascia affascinare dalle Olimpiadi, ammirando la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi