Domenica di Pentecoste

Domenica di Pentecoste
23 maggio 2021
Vangelo di Giovanni 14, 15-20
Commento di suor Giulia Calvino, FMA

 

Oggi siamo di fronte ad una “pienezza spirituale”, ad uno spazio totalmente occupato, riempito dallo Spirito: uno spazio che è pronto a mostrare i miracoli della grazia di Dio. Oggi veniamo sospinti a ricercare i significati profondi dell’effusione dello Spirito e ancora una volta è la parola di Dio ascoltata ad aprire gli occhi del nostro cuore credente e a farci contemplare e gustare le grandi opere che Dio compie.

Il primo prodigio è la varietà e l’unità nella vita della Chiesa: colma di Spirito Santo, la Chiesa trova la sua singolare bellezza nel presentarsi al mondo (a Cristo lo Sposo, in primis, e a noi con lui) come segnata da una varietà e da un’unità che non si contrappongono, né sono estranee l’una all’altra, ma che si ritrovano connesse: una varietà che non è frantumazione e una unità che non è uniformità. Siamo chiamati a riconoscere ed ammirare la varietà come un bene, non una minaccia; una grazia, non un ostacolo, perché è destinata a rendere sempre più splendida l’unità. Siamo anche chiamati ad amare e a favorire l’unità, l’una e l’altra nella loro forza di incontro, di dialogo, di armonia, nella consapevolezza cioè che l’apporto di ciascuno è indispensabile per costruire unità.

Il secondo è indicato nella lettera ai Corinti: «e nessuno può dire: ‘Gesù è Signore!’, se non sotto l’azione dello Spirito Santo». È dunque lo Spirito che genera nel nostro cuore la fede in Gesù come il Signore, il Risorto che ha vinto la morte. La nostra fede pasquale è frutto dello Spirito: è lui che ci fa riconoscere in Cristo il principio della nostra speranza pienamente affidabile e del tutto incrollabile: ogni speranza umana è segnata da fragilità, debolezza, inconsistenza, inaffidabilità; solo quella che ci viene dal Risorto è assolutamente incrollabile: è speranza vera.

Infine, il prodigio della missione: «e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio», così dicono gli ascoltatori multietnici agli apostoli. Le lingue sono diverse, ma identico è il messaggio comunicato: sono le grandi opere di Dio, che si compendiano in Cristo morto e risorto. È grazie alla forza dello Spirito che gli apostoli e i discepoli si presentano a tutti – sino ai confini della terra – come testimoni di Gesù risorto e annunciatori del suo Vangelo.

Nella mia riflessione, però, sono stata soprattutto molto colpita dalle parole di Gesù: «Se mi amate…»: Gesù chiede di poter dimorare in quel luogo da cui tutto ha origi­ne, in cui tutto si decide e che tutte le religioni chiamano «cuo­re». Non obbliga, non minaccia, né costringe; possiamo, in piena libertà, accogliere o rifiutare. Quando accettiamo di osservare i suoi comandamenti, ecco un ulteriore prodigio: è l’amore per Gesù che dà energia e ci fa amare non per dovere, ma come espansione verso l’esterno di una forza prorompente, che già preme dentro e che è l’amore di Dio.

Conoscendo l’animo nostro, ecco che ci rassicura: «Non vi lascerò orfani»: questa promessa squarcia la solitudine che tante volte sperimentiamo, dissipa quelle emozioni forti che a volte oscurano il cielo sopra la nostra testa, quando ci sembra che il mondo giri in senso sbagliato. Questa promessa accade attraverso e per opera dello Spirito Santo, il grande «nascosto-e-sempre-presente», Colui che notte e giorno, in maniera sotterranea e silenziosa scava vie di luce, di libertà e di verità in noi e negli eventi della storia.

Lo Spirito Santo è come l’aria per la musica: attraverso di essa i suoni ci giungono e ci riempiono di gioia. Senza questo invisibile ponte, la musica sarebbe una bellezza muta, chiusa in se stessa. Sottile brezza o vento gagliardo, si manifesta sempre consolatore e rigeneratore, fa scorgere vie di salvezza quando tutto sembra perduto. Ha guidato i nostri Fondatori a compiere gesti che si potrebbero dire temerari, fuori di ogni logica e di ogni schema. Tutto questo è stato ed è ancora possibile quando ci si affida alla sua Guida.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi