Essere ambasciatori di speranza

Di don Angel Fernandez Artime

 

“I giovani ci sorprendono sempre con la loro creatività…
Penso veramente che il mondo di oggi debba credere molto di più nel valore dei giovani!”.

Così si è espresso il Rettor Maggiore dei Salesiani, Don Ángel Fernández Artime, davanti a numerosi giornalisti e personalità del mondo della comunicazione convenuti oggi presso la Sede Centrale Salesiana a Roma per la Conferenza Stampa di presentazione del “Don Bosco Global Youth Film Festival” (DBGYFF).

 

A dare il benvenuto ai giornalisti è stato il Co-portavoce della Congregazione Salesiana, don Giuseppe Costa, che ha brevemente illustrato il programma e il senso dell’appuntamento; questi ha poi lasciato la parola a don Gildasio Mendes, Consigliere Generale per la Comunicazione Sociale, che dapprima ha sottolineato il valore del festival “come un mezzo concreto per unire e coinvolgere i giovani di tutto il mondo”, e poi ha rivolto un’esortazione a tutti i giornalisti presenti: “Vogliamo invitare anche voi ad essere ambasciatori della speranza, insieme a noi e ai nostri giovani di tutto il mondo salesiano!”.

 

Ampio spazio, e non poteva essere altrimenti, è stato dato alla presentazione di alcuni dei video di maggior impatto tra i 1.686 che sono pervenuti sul sito www.dbgyff.com. La canzone di “Chariet”, nome d’arte della giovane Charity, e la coreografia dei giovani dal campo profughi di Palabek, in Uganda, hanno rappresentato con il video musicale “Moved by Hope” un inno alla gioia, pure nelle difficoltà, grazie all’educazione salesiana; il commovente corto francese “Mister Pipou” ha mostrato la solitudine in cui tanti giovani sono scivolati durante il lockdown, lasciando tuttavia un finale aperto al rinnovamento; “Listen”, prodotto dai giovani dell’Ispettoria di India-Panjim, ha riprodotto in immagini e musica il passaggio dalla disperazione più totale alla gioia condivisa, che nasce magari da un piccolo gesto della Provvidenza.

 

Negli interventi successivi, don Harris Pakkam, Direttore del Festival, ha illustrato il lungo percorso compiuto per allestire questo grande progetto a favore dei giovani di tutto il mondo: dall’ideazione, nel dicembre 2020, nel pieno della pandemia, fino ad oggi, dopo la partecipazione di migliaia di ragazzi e ragazze da 116 Paesi e il coinvolgimento di oltre 100 giurati nella Giuria Preliminare e di altre 10 personalità del mondo del cinema e della cultura nella Gran Giuria. “Eravamo una piccola équipe, ma abbiamo saputo sognare, con i giovani e per i giovani” ha detto, prima di aggiungere: “È stata un’opera di Dio”.

 

Al Rettor Maggiore è spettato il compito di illustrare il significato profondo del DBGYFF: dare la parola ai giovani perché potessero esprimersi, perché di fronte ai drammi generati da Covid-19 potessero avere l’occasione di dire la loro, di diffondere la loro voce. “Tante volte noi adulti diciamo ai giovani cosa riteniamo importante e come devono vivere. No, i giovani ci hanno detto: ‘noi abbiamo capacità di pensare e sappiamo come esprimerci’” ha detto Don Á.F. Artime.

 

Riesaminando poi tutto il vissuto della pandemia, il Rettor Maggiore ha ricordato tutto l’insieme di lutti e di problemi che essa ha causato, come la crescita della povertà e delle disuguaglianze. Ma al tempo stesso ha indicato due luci: quella della generosità venuta da tantissimi piccoli benefattori, che hanno permesso ai vari organismi salesiani nel mondo di raccogliere e destinare oltre 10 milioni di euro direttamente al sostegno delle persone colpite da Covid-19 e dai suoi effetti; e la grande creatività che ha mosso i salesiani in tutti i Paesi per riuscire a raggiungere i loro giovani nonostante le restrizioni imposte. Ed è proprio da quella stessa creatività che è venuta l’idea del DBGYFF.

 

Infine, rimarcando il successo di partecipazione conseguito, ha ribadito la volontà di rinnovare l’esperienza del festival anche nei prossimi anni, e ha ringraziato i giornalisti presenti “per dare voce alla voce che vogliamo esprimere”.

 

Dopo una sessione aperta per le domande, nella quale è stata persino suggerita l’idea di promuovere una scuola salesiana mondiale di cinematografia per coltivare i talenti emersi in questo festival, il sig. Alberto Rodríguez, Presidente della Fondazione DON BOSCO NEL MONDO, ha offerto un ringraziamento conclusivo a tutti i presenti.

 

Essendo stata trasmessa in diretta streaming, grazie alla collaborazione di IME COMUNICAZIONE, la conferenza stampa resta visibile a tutti sulla pagina Facebook di ANS e su quella del festival in italiano – DBGYFFIT.

 

Per l’ultimo appuntamento con il DBGYFF non resta che attendere venerdì 19 novembre, quando, alle ore 18:00 (UTC+1), nel Teatro Grande di Valdocco, a Torino, avrà luogo la Cerimonia Conclusiva del Festival, alla presenza sempre del Rettor Maggiore, del Direttore del Festival e di diverse altre personalità. Pure quell’appuntamento sarà visibile in diretta anche a distanza, con le stesse modalità di oggi. 

 

Fonte: infoans

 

Ferite a morte

Serena Dandini, FERITE A MORTE, Rizzoli 2013 E se le vittime potessero parlare? Serena Dandini, da sempre dalla parte delle donne, in questo libro uscito in prima edizione nel 2013, vuole mettersi dalla parte delle vittime di femminicidio facendo loro raccontare la...

Calendari d’Avvento… cristiani

Quattro semplici idee in stile Corxiii per un calendario alternativo, a basso costo e ad altissimo beneficio per la tua fede, le tue relazioni e la tua capacità di donare e accogliere il Dono.   Di Sara Manzardo   C'è un qualcosa di magico quando si parla di...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #3

Il terzo dei dieci articoli mensili elaborati dal Consigliere Generale per la Comunicazione Sociale, don Gildasio Mendes, sul tema “Don Bosco e la realtà digitale e virtuale”, affronta un aspetto peculiare della comunicazione del Santo dei Giovani, e cioè come egli...

I vincitori del DBGYFF

Il 18 e 19 novembre, in 270 luoghi di 50 Paesi del mondo, si sono svolte le proiezioni dei 110 corti selezionati tra quelli in gara al DBGYFF e gli spettacoli celebrativi. Venerdì 19 novembre, invece, si è tenuto a Valdocco l’evento finale, durante il quale sono stati...

L’indicibile tenerezza

In cammino con Simone Weil Eugenio Borgna. ED. Feltrinelli   Si tratta di un libro impegnativo che esce dall’esperienza profonda di condivisione da parte dell’autore con Simon Weil, questa giovane donna che ha attraversato un’epoca di guerre e totalitarismi armata...

152^ Spedizione missionaria

Un gesto antico e sempre nuovo si è ripetuto domenica 21 novembre, presso la Basilica di Maria Ausiliatrice di Torino: quello della consegna del crocifisso missionario ai partenti della 152^ Spedizione Missionaria Salesiana.   “Come cristiani, tutti noi siamo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi