Le regole del gioco tra vita e niente

Il tema dell’eutanasia si fa sempre più pressante. Abbiamo chiesto al nostro collaboratore, Andrea Miccichè, di aiutarci a pensare e a riflettere su questo argomento, per poterne parlare senza frasi fatte e slogan.

Questo è il primo di quattro articoli che Andrea ci regala.

 

Tu giochi a scacchi, non è vero?

Un titolo strano per una rubrica che si occupa di uno dei temi più sensibili, drammatici e controversi del nostro secolo: il “fine vita”.
Che la vita di tutti abbia una “naturale conclusione” è pacifico, ma il “come” e, soprattutto, il “perché” rimangono un mistero di sofferenza.

E se, fino a qualche tempo fa, il senso della vita e della morte era abbastanza scolpito nella mente, la secolarizzazione, mettendo in crisi la dimensione ultraterrena, ha frantumato anche la “fedeltà alla terra”, tanto esaltata dai maestri del sospetto, Nietzsche in primo luogo.

Ma perché scomodare uno dei più famosi giochi da tavolo?

La battuta, che dà il titolo ai nostri colloqui, è posta in apertura all’opera cinematografica Il settimo sigillo, prodotta nel 1957 dal registra svedese Ingmar Bergman.
In un Medioevo a tinte fosche, segnato dalla peste e dal terrore, il crociato Antonius Block, pronto nello spirito, ma non nel corpo, s’imbatte nella Morte, che lo stava aspettando sulla riva del mare. Non esiste una dilazione, non c’è pietà per chi invoca un supplemento di tempo: tornano in mente le parole del Vangelo “E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita?” (Mt 6,27).

Ma un lampo di genio nella mente del cavaliere può cambiare le sorti del discorso: “Tu giochi a scacchi, non è vero?”, e la Morte acconsente, fiera di non aver mai perso una partita, a sospendere il suo compito per partecipare alla sfida. Il resto lo lascio a chi vorrà guardare la proiezione: mi limito a proporre alcune suggestioni sul gioco tra l’uomo e la sua fine.

 

Ora non c’è più soltanto l’eterna lotta tra la vita e la morte, ma, quando la vita è percepita come una sofferenza insopportabile, l’uomo, novello giocatore di scacchi, preferisce subire uno scacco matto, piuttosto che continuare una pietosa gara.

Non c’è più nulla da difendere, se, seguendo le parole di uno stolto personaggio, “la vita alle volte è una vera pazzia”, che non vale la pena di essere vissuta e alla quale sarebbe preferibile porre una veloce fine.
Ormai è chiaro che il dubbio su Dio, sulla sua esistenza e sulla sua Provvidenza è divenuto il dubbio sull’uomo, sulla sua vita e sul suo essere segno di bene per sé e gli altri, in ogni istante.

 

Sai giocare a scacchi, non è vero?, dice Antonius Block alla Morte, sperando di ottenere del tempo; Sai giocare a scacchi, non è vero?, chiedono alla Morte l’uomo e la donna di oggi di fronte al gioco della vita, sperando, se non altro, che la libertà e la dignità siano salvate, tramite il nulla, dal niente incombente.

Come ciò si manifesterà è altrettanto oscuro: “Sappiamo che deve accadere qualcosa, ma non sappiamo cosa”, questo è il sentimento che terrorizza l’umanità di fronte al fine vita.

È un dubbio legittimo, ma la soluzione che sfocia nelle forme di “eutanasia”, o, ancor più, nel “suicidio assistito”, apre lo scenario a una inquietante solitudine.

Queste le pedine sulla scacchiera, queste le regole del gioco: ci confronteremo nei prossimi articoli con il dramma umano della morte e della sofferenza ultima, analizzandone i profili sociali, giuridici ed etici. Sarà un lavoro di ri-flessione, animato dalla certezza che, nel chinarsi sulle ferite, si entra in contatto con l’uomo nella sua interezza.

 

Andrea Miccichè

 

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi