La Santa Sede s’impegna per il clima

Un comunicato informa circa l’”accessione” ai due protocolli con cui lo Stato della Città del Vaticano intende dare il proprio contributo e sostegno morale allo sforzo degli Stati di fronte alla questione dei cambiamenti climatici. L’adesione all’Accordo di Parigi avverrà più avanti per motivi tecnico-formali

 

Adriana Masotti

 

E’ stato depositato mercoledì 6 luglio, presso il segretariato generale dell’Onu, lo strumento con il quale la Santa Sede, in nome e per conto dello Stato della Città del Vaticano, accede alla Convenzione-Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici. A provvedere all’atto è stato l’arcivescovo Gabriele Giordano Caccia, osservatore permanente presso l’Onu. Il comunicato che ne dà notizia, diffuso oggi dalla Sala Stampa vaticana, precisa inoltre che “quanto prima, in base ai requisiti legali previsti dall’Accordo di Parigi”, la Santa Sede intende “depositare anche lo strumento di accessione a quest’ultimo”. Un’operazione prevista in due momenti diversi per motivi tecnici, in quanto per l’accessione all’Accordo di Parigi uno Stato deve avere già provveduto da almeno due mesi a quella alla Convenzione sul clima.

 

“Accessione” ovvero “adesione”

Nel testo ufficiale si parla di “accessione” della Santa Sede, termine giuridico che nella forma si utilizza per uno Stato che non è firmatario all’origine di un documento ma si unisce in un secondo tempo agli altri Stati che lo hanno già firmato e ratificato, ma nella sostanza ha il valore di una vera e propria adesione – che matura quando tutti i parametri previsti dal protocollo vengono soddisfatti. In questo senso, per quanto riguarda l’annunciata accessione-adesione anche all’Accordo di Parigi, essa avverrà per la Santa Sede più avanti perché per entrare a far parte di tale Accordo uno Stato deve avere già aderito da almeno due mesi alla Convenzione sul clima.

 

Un contributo per rispondere al cambiamento climatico

Una nota ufficiale chiarisce che obiettivo dello strumento di accessione già depositato e del successivo – a ciascuno dei quali, precisa il testo, è allegata una Dichiarazione – è di contribuire da parte della Santa Sede “e dare il proprio sostegno morale agli sforzi di tutti gli Stati per cooperare, in conformità con le loro responsabilità e rispettive capacità, comuni ma differenziate, in una risposta efficace e adeguata alle sfide poste dal cambiamento climatico per la nostra umanità e per la nostra casa comune”. Riprendendo le parole di Papa Francesco nel videomessaggio per l’High Level Climate Ambition Summit, del 12 dicembre 2020, il comunicato ricorda che il cambiamento del clima non impatta solo sull’ambiente, ma ha ripercussioni di tipo etico, socio-economico e politico che richiamano la responsabilità alla promozione di una ‘cultura della cura’ che si rivolga in particolare ai più fragili.

 

Solidarietà e responsabilità per un nuovo modello di sviluppo

La Santa Sede rinnova l’invito di Francesco nella Laudato si’, a condividere tale impegno aprendosi al dialogo “sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta”. E auspica che, come si legge nel messaggio del Papa alla COP-26 dell’UNFCCC, la Convenzione e l’Accordo di Parigi possano contribuire a promuovere “una forte convergenza di tutti” nella volontà di avviare un cambiamento di rotta per passare dalla ‘cultura dello scarto’ alla realizzazione di “un modello di sviluppo più integrale e integrante, fondato sulla solidarietà e sulla responsabilità”. Si tratta di due valori, conclude il comunicato “che devono essere alla base dell’attuazione sia della Convenzione che dell’Accordo di Parigi e che guideranno gli sforzi della Santa Sede in questo processo di implementazione”.

 

Fonte: vaticannews

 

 

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

La preghiera è come un sasso lanciato in acqua

Di Andrea Zaghi   La necessità di “ricordare al mondo le ragioni della pace”. E poi ancora quelle dell’umanità, della difesa dei diritti, del bene comune. Ad un mese dalla diffusione dall’Arsenale della pace di Torino della lettera-appello che Ernesto Olivero ha...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi