Riconoscere il peccato in noi

da | 28 Feb 2016 | Proposte

Riconoscere il peccato in noi… e imparare a fidarsi di Dio!

Mc 9, 1-9 Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime:
nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche.
E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù.
Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia».
Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati.
Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!».
E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto,
se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti.
Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Gesù toglie qualunque velo davanti gli occhi dei suoi apostoli; si mostra in tutto il suo splendore e Pietro non può fare altro che esclamare “È bello per noi stare qui” preso dall’incredulità e dallo spavento La fede fa tacere la paura, quella paura che ci impedisce di vedere veramente Cristo. Tale paura è condizionata da quell’attaccamento ai beni temporali e dall’ambizione che posano su di noi quel velo di insoddisfazione, perché attratti da cose effimere e prive di valore, che non ci permette di riconoscere la vera bellezza.

Ci viene chiesto di riconoscerci, capire chi siamo, cosa desideriamo. Per farlo, dobbiamo confessare i nostri peccati le nostre false guide e… fidarci di Dio.
Consegnare a Lui il nostro animo e accogliere il suo perdono: la misericordia di Dio.

PER I BAMBINI

Gesù insegna che Dio perdona

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

PER PREADOLESCENTI

Non bisogna dimenticare l’importanza della confessione! È importante riconoscere i nostri peccati e per farlo bisogna prepararsi con la testa e con il cuore.

vademecum – come vivere bene la confessione

PER ADOLESCENTI

Cosa ha fatto Gesù per noi?
Riflettete dopo la visione di questo video:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

PER GIOVANI

Tutto ha inizio quando sorge in noi la riflessione: “Ho bisogno di mettermi a posto!” Avvertiamo che c’è un qualche disordine che ci turba, ma spesso non sappiamo nemmeno cosa. Però sappiamo che dobbiamo mettere ordine prima che sia troppo tardi.
Da dove cominciare?

2sett_quaresima_2016_peccato

Mai più morire soli

Di Giovanni Marcotullio Un regalo di Natale passato forse inosservato è il protocollo che un tavolo tecnico molto assortito ha proposto alla Regione Toscana: la delibera che ha fatto proprio il protocollo ha permesso l'avvio di una procedura che permette ai parenti di...

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Matto 14, 13b-21 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   La pericope proposta nella liturgia odierna si colloca nel Vangelo di Matteo, nella sezione narrativa che separa il Discorso in Parabole dal...

3^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

3^ Domenica del Tempo Ordinario - Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Marco 1, 14- 20 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Le letture di questa domenica mi suggeriscono un percorso in tre passi: il cammino; la conversione; la meta.   1. Il cammino Ad un primo...

Laura Vicuña generatrice di vita

Di suor Anna Maria Dacrema, FMA     Desidero presentarvi Laura, una ragazza che sogna, gioca, ride, ama, soffre e prega. Una giovane alunna che studia, lavora, dialoga con l'amica del cuore e condivide le sue esperienze con i Salesiani e le suore della...

Custodire la fragilità

LE POCHE COSE CHE CONTANO oggi, in educazione   di Suor Cristina Merli, FMA     Nei momenti di crisi, se ci si lascia toccare da ciò che accade, si diventa più essenziali, si scopre ciò che è indispensabile e si impara a lasciar andare ciò che è...

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi