25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A

Vangelo di Matteo, 20, 1-16

Commento di suor Susanna Anzini, FMA

 

Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed entrare in quella di Dio.

Il primo personaggio che incontriamo, in questa parabola, è il padrone della vigna, che cerca operai. Si comprende subito come la sua vigna gli stia a cuore: esce lui stesso, all’alba, per cercare chi la coltivi. Il lavoro è molto, ce n’è per tutti: il padrone non si stanca di uscire di casa per chiamare altri operai, alle nove, a mezzogiorno, alle tre e ancora alle cinque, quando ormai la giornata è quasi giunta al termine.

Già questa prima parte della parabola ci parla di Dio, un Dio che va continuamente in cerca dell’uomo, per poter realizzare insieme il sogno di Dio sull’umanità. Questo lo possiamo intendere sia come una vocazione ad una speciale consacrazione, sia come le numerose chiamate che Dio fa, ogni giorno, nella vita di ciascuno.

Nella seconda parte della parabola, invece, viene descritta la retribuzione degli operai.

Il padrone si dimostra generoso, a coloro che hanno lavorato un’ora appena dà un denaro. Si crea, negli altri operai, ma anche in noi che leggiamo, un’aspettativa: se gli ultimi ricevono un denaro per un’ora di lavoro, quanto di più spetterà a coloro che hanno faticato, sotto il sole, per un giorno intero? Quest’attesa però viene delusa: i primi ricevono tanto quanto gli ultimi. Questo porta gli operai della prima ora a mormorare contro il padrone, che però fa notare loro che non ne hanno motivo: hanno ricevuto quanto era stato concordato.

Il risentimento degli operai ci sembra comprensibile: ci verrebbe da dire che non è giusto. Anche se effettivamente il padrone paga quanto era stato promesso, ci sembrerebbe più corretto che ricevessero un po’ di più. Per natura siamo portati a confrontarci con gli altri: se ho fatto di più, mi spetta di più. Quanto è difficile gioire per la felicità degli altri!? Altri che magari hanno trascorso la giornata in ansia, perché nessuno lì aveva chiamati a lavorare e dunque quel giorno non avrebbero portato a casa nulla, o che si sono sentiti scartati, esclusi e messi da parte: nessuno li aveva presi a giornata, nessuno li voleva. Il padrone è buono, accoglie tutti nella sua vigna: c’è posto per tutti, nessuno escluso.

Dio, il padrone della vigna, quando chiama, non chiede una prestazione di lavoro, chiede di entrare in relazione con Lui, di essere a nostra volta dono per i fratelli. Allora la “paga”, il cento per uno che dà a chi lavora per Lui, è uguale per tutti e diventa davvero un motivo di grazie per la sua infinità bontà.

1^ Domenica dopo la Dedicazione

1^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A Vangelo di Luca, 24,44-49° Comento di suor Beatrice Schullern, FMA   In questa Giornata Missionaria Diocesana, la liturgia offre alla nostra meditazione le parole di Gesù agli undici riuniti nel cenacolo. Il sepolcro...

30^ Domenica del Tempo Ordinario

30^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo, 22,34-40 Commento di suor Silvia Testa, FMA   Nello studio della Legge, quindi della Torah, i rabbini avevano individuato 613 precetti, un lungo elenco di norme da rispettare. Nelle scuole teologiche...

A scuola per essere felici

L’Assemblea CIOFS/Scuola elabora un Manifesto per esprimere l’identità della Scuola Salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Italia.   Il 10 ottobre 2020, il Direttivo Nazionale del Centro Italiano Opere Femminili Salesiane/Scuola (CIOFS/Scuola) si è radunato a...

Un Webinar sull’Enciclica “Fratelli tutti”

Il 9 ottobre 2020 si è svolto un webinar sull’Enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco, promosso dall’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI) e dalla Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).   Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria...

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi