25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A

Vangelo di Matteo, 20, 1-16

Commento di suor Susanna Anzini, FMA

 

Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed entrare in quella di Dio.

Il primo personaggio che incontriamo, in questa parabola, è il padrone della vigna, che cerca operai. Si comprende subito come la sua vigna gli stia a cuore: esce lui stesso, all’alba, per cercare chi la coltivi. Il lavoro è molto, ce n’è per tutti: il padrone non si stanca di uscire di casa per chiamare altri operai, alle nove, a mezzogiorno, alle tre e ancora alle cinque, quando ormai la giornata è quasi giunta al termine.

Già questa prima parte della parabola ci parla di Dio, un Dio che va continuamente in cerca dell’uomo, per poter realizzare insieme il sogno di Dio sull’umanità. Questo lo possiamo intendere sia come una vocazione ad una speciale consacrazione, sia come le numerose chiamate che Dio fa, ogni giorno, nella vita di ciascuno.

Nella seconda parte della parabola, invece, viene descritta la retribuzione degli operai.

Il padrone si dimostra generoso, a coloro che hanno lavorato un’ora appena dà un denaro. Si crea, negli altri operai, ma anche in noi che leggiamo, un’aspettativa: se gli ultimi ricevono un denaro per un’ora di lavoro, quanto di più spetterà a coloro che hanno faticato, sotto il sole, per un giorno intero? Quest’attesa però viene delusa: i primi ricevono tanto quanto gli ultimi. Questo porta gli operai della prima ora a mormorare contro il padrone, che però fa notare loro che non ne hanno motivo: hanno ricevuto quanto era stato concordato.

Il risentimento degli operai ci sembra comprensibile: ci verrebbe da dire che non è giusto. Anche se effettivamente il padrone paga quanto era stato promesso, ci sembrerebbe più corretto che ricevessero un po’ di più. Per natura siamo portati a confrontarci con gli altri: se ho fatto di più, mi spetta di più. Quanto è difficile gioire per la felicità degli altri!? Altri che magari hanno trascorso la giornata in ansia, perché nessuno lì aveva chiamati a lavorare e dunque quel giorno non avrebbero portato a casa nulla, o che si sono sentiti scartati, esclusi e messi da parte: nessuno li aveva presi a giornata, nessuno li voleva. Il padrone è buono, accoglie tutti nella sua vigna: c’è posto per tutti, nessuno escluso.

Dio, il padrone della vigna, quando chiama, non chiede una prestazione di lavoro, chiede di entrare in relazione con Lui, di essere a nostra volta dono per i fratelli. Allora la “paga”, il cento per uno che dà a chi lavora per Lui, è uguale per tutti e diventa davvero un motivo di grazie per la sua infinità bontà.

Presentazione Strenna 2021

Nel pomeriggio del 26 dicembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana di Roma è stata lanciata, per la prima volta nella storia in diretta mondiale, la Strenna 2021 del Rettor Maggiore «Mossi dalla speranza: “Ecco, io...

1 Km per la speranza

Di Riccardo Schiavo Roberto Miglio insegna educazione fisica alla Maria Ausiliatrice di San Donato M.se Ammalarsi di Parkinson e vedere, in mezzo al nero, un’opportunità per lanciare un messaggio positivo. Roberto Miglio insegna educazione fisica alla scuola salesiana...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi