9^ Domenica dopo Pentecoste

2 agosto 2020 – Anno A

Vangelo di Marco 2, 1-12

Commento di suor Giulia Calvino, FMA

 

Riflettendo su questo brano, mi balzano agli occhi alcune figure, due delle quali sono in stretto contatto: una casa e degli amici.
Una casa, che per Marco è il luogo simbolo della comunità e lui apre il capitolo 2 proprio con questa immagine al centro: la casa, nella quale viene annunciata la Parola, ma che viene subito squarciata nei suoi spazi, perché viene scoperchiato il tetto, una casa da cui uscirà la folla che si dirigerà verso il mare, altro spazio di confine, una casa che ospita, ma non ha confini, un luogo dove tutti, sani e malati, possono trovare ristoro, riposo, accoglienza… un po’ come quella offerta a Valdocco, anche correndo il rischio che spariscano le lenzuola e gli alimenti.

Poi gli amici: forti, fantasiosi, tenaci, creativi, ammirati dal Maestro. “Gesù vista la loro fede”, opera il miracolo tenendo conto anche della loro fede che si fa carico, con intelligenza operosa, del dolore e della speranza dell’amico. Si inventano un modo non ordinario di far arrivare l’amico a Gesù. I quattro barellieri ci insegnano a essere come loro, con questo peso di umanità sul cuore e sulle mani, ad avere una fede che prende su di sé i problemi degli altri, altrimenti vera fede non è.

Non si è cristiani, né educatori, per se stessi, per aggiungere vittorie e conquiste della presunzione; siamo chiamati a portare speranze, credendo contro ogni speranza, diventando generatori di fiducia, a modificare i nostri rapporti finché si trasformino in relazioni familiari destinate ad aprirsi e ad accogliere tutti coloro che vengono in contatto con le nostre comunità educanti, dove al centro è la Parola, intesa come storia salvifica che continua a interpellare e provocare la nostra storia personale.

Poi, ecco i due interlocutori: il paralitico e Gesù, un uomo che spera nella guarigione fisica e uno che gli dona il perdono dei peccati e, solo dopo questo, la capacità di tornare a camminare. «Sei perdonato»: possiamo immaginare la sorpresa, forse la delusione del malato, che si sente rivolgere parole non aspettate, mentre domanda la guarigione, un corpo che torni vigoroso. Ma Gesù indica dapprima la guarigione ancor più radicale che è venuto a portare: la liberazione dal peccato. Se avesse subito pronunciato le parole che tutti si aspettavano: “Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina” sarebbe stato applaudito. Invece Gesù sceglie un’altra strada: fa capire che la sua missione è quella di rendere presente nel “qui-e-ora” della Storia la potenza salvifica di Dio.

Attraverso la guarigione del paralitico, vuole dirci che il suo perdono risana e rinnova radicalmente l’uomo. Perdonare è nel Vangelo è un verbo di movimento: si usa per la nave che salpa, per la carovana che si rimette in marcia, per la freccia liberata nell’aria. Il perdono di Cristo non è un colpo di spugna sul passato, è molto di più: è un colpo di vento nelle vele, per solcare il mare futuro, è slancio vitale per ogni uomo immobile nella sua barella.

Quando ci troviamo impantanati nelle nostre fragilità, in un certo senso siamo interiormente paralizzati: il cuore è prigioniero della propria dipendenza, si è concentrati unicamente su noi stessi, bloccati dall’egoismo e non si hanno energie per gli altri. Da soli non riusciamo a venirne fuori, abbiamo bisogno di essere liberati da una mano amica che dall’esterno ci risollevi, abbiamo bisogno del perdono di Dio che solo ci può riabilitare, donandoci energie fresche e nuove.

Gesù per l’unica volta nel Vangelo dice apertamente il perché del suo miracolo: lega insieme perdono e guarigione, unisce corpo e spirito, mostra che l’uomo è un tutt’uno, senza separazioni, rivela che Dio salva senza porre condizione alcuna, perché la grazia è grazia e non merito o calcolo.

“Tutti si meravigliarono e lodavano Dio”: chiediamo al Dio della Vita di saperci anche noi meravigliare per questa forza che ci risana dal male che inaridisce la vita e ricordiamoci di ciò che ci dice Papa Francesco:

Oggi il Signore dice ad ognuno di noi: ‘Alzati, prendi la tua vita come sia, prendila e vai avanti. Non avere paura, vai avanti con la tua barella’[…] ‘Vuoi guarire?’ Se noi diciamo al Signore ‘Sì, voglio guarire, aiutami perché voglio alzarmi’, allora sapremo com’è la gioia della salvezza”. (9 agosto 2017)

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi