Beata Laura Vicuña, patrona dei rifugiati e delle donne

I deputati dell’Argentina promuovono un progetto di dichiarazione perché papa Francesco spinga la canonizzazione della Beata Laura Vicuña, proponendola come patrona dei rifugiati e delle donne che subiscono violenza.

Il 22 gennaio la Famiglia Salesiana e la Chiesa ricordano la memoria della Beata Laura Vicuña, un bellissimo esempio di santità giovanile ancora oggi attuale.

Vissuta a cavallo tra il XIX e il XX secolo in Argentina, a contatto con le Figlie di Maria Ausiliatrice scopre la bellezza dello spirito salesiano e intuisce che la vita vale la pena di essere spesa per Dio solo, a Lui si consacra giovanissima, e offre la vita per la conversione della mamma, morendo a 13 anni.

“Non c’è amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15, 13)

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi