DISCUSS: una ricerca sulla dieta mediale

In occasione della giornata di formazione Parole a Scuola che si è tenuta in Università Cattolica il 9 Febbraio, l’equipe di ricerca del CREMIT (Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Informazione e alla Tecnologia dell’Università Cattolica di Milano – ndr) ha anticipato l’avvio di un progetto di ricerca volto a raccogliere dati sul tema della dieta mediale di bambini, ragazzi e adolescenti in Italia.

Suggerendo un’analogia con le abitudini alimentari, per dieta mediale si intende l’insieme delle pratiche di consumo legate ai media, e in particolar modo a quelli digitali che caratterizzano così profondamente la vita delle nuove generazioni e interrogano l’intera società su quali debbano essere le modalità più corrette per metabolizzarli gradualmente.

Attorno a questi consumi, sotto forma sia di strumenti (smartphone, tablet, …) sia di servizi (social network, chat,..) si articolano dibattiti a più livelli: dal mondo accademico, agli organi di informazione fino alle più disparate occasioni pubbliche e private. Soprattutto quando si parla di educazione, queste discussioni vedono ormai una crescente polarizzazione delle opinioni, sempre più arroccate sulle posizioni estreme di entusiasmo o rigetto rispetto al posto che tali tecnologie dovrebbero occupare e alle regole che dovrebbero regolarli.

Tuttavia anche chi è disponibile ad un confronto aperto e positivo su questo tema non sempre tiene conto di dati strutturati sulle pratiche effettive dei giovani, anche perché spesso dati parziali sono presentati in modo ancora più parziale a seconda della tesi che chi li propone vuole sostenere.

Anche i numerosi interventi di formazione, sensibilizzazione e prevenzione (rispetto a comportamenti dannosi come cyberbullismo, sexting, harassment, vamping, ossia stare svegli la notte per chattare, …) che vengono organizzati da istituzioni ed enti no-profit hanno bisogno di una solida base di conoscenza da cui partire per mettere davvero a fuoco i problemi più urgenti ed indirizzare con maggiore precisione le loro azioni.

Per provare a offrire una risposta a questo bisogno di conoscenza, Cremit ha quindi avviato l’indagine DISCUSS (DIgital Screens ConsUmption Survey System), che mira a raccogliere dati su tutto il territorio nazionale attraverso una survey costruita secondo rigorosi criteri scientifici. Si tratta di un questionario, compilabile online, suddiviso per quattro fasce d’età (0-8, 8-11, 11-14, 14-19) che si propone di indagare le abitudini di utilizzo degli schermi digitali e, nello specifico, le dimensioni di: tempo dedicato, preferenze di utilizzo, postura, motivazione, frequentazione di ambienti social e presenza di regole in famiglia.

L’indagine è aperta a tutte le scuole, enti, associazioni e parrocchie che desiderino prendere parte a questo studio nazionale, avendo così anche la possibilità di conoscere i dati di consumo dei propri ragazzi. Per partecipare alla ricerca è necessario inviare una mail a Cremit, all’indirizzo cremit@unicatt.it .

I ricercatori che coordinano il progetto vi raggiungeranno con tutte le informazioni necessarie!

Di: Sara Lo Jacono

Fonte: cremit.it

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi