Senegal – Un piccolo progetto agricolo

Un piccolo progetto agricolo per combattere l’emigrazione e gridare: “STOP TRATTA”

Un luogo inospitale e arido, che anche dopo le inondazioni della stagione delle piogge torna in breve ad essere brullo e improduttivo: è la regione di Tambacounda, tra le più povere del Senegal, segnata da miseria e disoccupazione. E non solo, perché negli anni è diventata anche un crocevia del traffico di essere umani che dall’Africa subsahariana trasporta chi non ha nulla da perdere in viaggio verso l’Europa. In un luogo così bisognoso di speranza, non poteva mancare la Famiglia Salesiana.

A Tambacounda i Salesiani animano sin dagli anni ’80 una loro opera, con parrocchia, oratorio e centro professionale; recentemente vi ha aperto un piccolo ufficio progetti l’associazione salesiana “Don Bosco 2000”, che in collaborazione con la Procura Missionaria di Torino – “Missioni Don Bosco” – e l’ONG “Volontariato Internazionale per lo Sviluppo”, sta lavorando per favorire l’educazione e la professionalizzazione dei giovani e lo sviluppo della micro-imprenditorialità giovanile, in ambito turistico, artigianale e agricolo. In pratica, sostiene lo sviluppo e l’economia locale creando concrete occasioni occupazionali.

Per questo ha pensato di coinvolgere in prima persona 4 ragazzi della zona, potenziali migranti – Adama, Jeronime, Maxime e Doudou – i quali lavoreranno per la realizzazione di un orto insieme ad un altro giovane: Seny Diallo.

Il ruolo di Seny è fondamentale nel progetto: lui è un migrante di ritorno, che è stato coinvolto nell’ottica del protocollo della “Cooperazione Circolare”: in pratica, chi ha già fatto l’esperienza della migrazione e rientra nel Paese d’origine viene addestrato per diventare tutore di altri giovani e prevenire così la tratta.

Il progetto prevede l’avvio dell’orto attraverso la preparazione del suolo, la semina e la coltivazione. Presso l’appezzamento, che è di proprietà di Adama, verrà inoltre scavato un pozzo indispensabile per l’irrigazione. Seguirà la commercializzazione delle verdure (gombo, pomodori e peperoncini e ulteriori ortaggi locali) presso i mercati della zona.

I ragazzi coinvolti sono stati scelti in base a caratteristiche precise: Jeronime e Maxime hanno frequentato un corso di formazione agricola del VIS; Adama è il proprietario del terreno, nel villaggio di Nettebolou, su cui verrà realizzato l’orto, Doudou è un esperto contadino, Semy è estremamente motivato a fornire agli altri una chance per rimanere in Senegal.

Hanno tutto il futuro davanti e hanno il diritto di viverlo al sicuro, nella loro terra, al fianco dei loro affetti.

Ulteriori informazioni sul sito: www.missionidonbosco.org

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi