Beata ignoranza

da | 28 Mar 2017 | Film

Un’amicizia alla prova di una realtà perennemente connessa.

Vedere l’ultimo film «Beata ignoranza» come se fossimo in pieno dibattito tra «apocalittici» e «integrati» a riguardo delle nuove tecnologie sarebbe troppo, ma senz’altro il tema trattato è un interessante soggetto di cui parlare in questo tempo in cui viviamo, quanto mai così social. Ci aveva già provato, con successo, Paolo Genovese con «Perfetti sconosciuti» facendo segno, ma virando il tutto poi su un altro tema. Qui non siamo a quel livello, piuttosto la commedia di Massimiliano Bruno pone la questione della «web-modernità» con il sorriso, anche correndo il rischio di banalizzarla.

Tuttavia la simpatica storia di amicizia infranta tra Ernesto (Marco Giallini), il tradizionale professore «antisocial» fuori dalla Rete, e Filippo (Alessandro Gassmann), professore di matematica «per caso» tutto smartphone e app, ci pone di fronte al limite della questione: è così necessario e importante oggi essere perennemente «connessi»? Sicuramente non si può stare fuori dal web, ma le relazioni importanti però spesso si giocano su altri campi, quelli più classici e legati alla terrena realtà. La stessa che nella vita ha messo alla prova la loro amicizia fino a separarli, nonostante una donna e una figlia «in comune», Nina (Teresa Romagnoli), che rientrerà nella loro vita attraverso un «esperimento» che li vedrà di nuovo protagonisti e antagonisti fuori e dentro la scuola, con o senza smartphone o pc.

Un film, dunque, al passo con i tempi che grazie alla complicità della coppia di attori già rodata (già visti in «Tutta colpa di Freud» e «Se Dio vuole»), risulta piacevole e nella sua completezza, almeno a tratti, per nulla banale. In un mondo sempre più assuefatto dall’interattività che rischia di modificare completamente il comportamento e le relazioni umane, compresi l’insegnamento e gli insegnanti stessi, porsi almeno la domanda su quanto, come e dove sia utile è indispensabile per non viverla da «schiavi». Utile ma non sempre necessaria, almeno per il quieto vivere, sembra dirci il regista. Lasciando pure anche qualche questione aperta: «Vi sentite meglio on line o off line? Chi siete veramente? Voi stessi o il vostro alter ego? Stimate di più le vostre sconfitte reali o i vostri successi virtuali?».

Temi: web, social, realtà virtuale, relazioni, scuola, amicizia, valori, famiglia.

Gianluca Bernardini

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi