La battaglia di Hacksaw Ridge

da | 14 Feb 2017 | Film

Eroe di guerra, salva 75 compagni senza sparare un colpo

Un film di Mel Gibson.
Con Andrew Garfield, Teresa Palmer, Hugo Weaving, Rachel Griffiths, Luke Bracey…
Titolo originale: «Hacksaw Ridge».
Storico.
Ratings: kids+13.
Durata: 131 minuti.
Australia – Usa, 2016.
Eagle Pictures.

Stati Uniti, Virginia, 1945. Desmond Doss (Andrew Garfield) è un giovane avventista del settimo giorno, generoso e fedele al Vangelo. Ha nel cuore la bella infermiera Dorothy (Teresa Palmer) che vorrebbe sposare al più presto, ma ha anche il desiderio di servire la patria che, sull’entusiasmo della battaglia di Pearl Harbor, vede arruolarsi moltissimi giovani, compreso il fratello, per combattere in Giappone. Desmond però non vuole toccare arma, vuole essere piuttosto un «cooperatore di coscienza», portando il suo aiuto come medico sul campo di battaglia. Tra le opposizioni prima del padre, che a causa della guerra e dei suoi fantasmi ha fatto soffrire per anni la sua famiglia, poi dell’esercito, che non riuscendo a capire le sue intenzioni vorrebbe riformarlo, Desmond arriva comunque al fronte.

«Ti prego, Signore, aiutami a ritrovarne ancora un altro»

Grazie alla sua determinazione e alla sua fede («Ti prego, Signore, aiutami a ritrovarne ancora un altro»), portò in salvo 75 compagni che, feriti gravemente, non avrebbero trovato scampo durante la battaglia di Okinawa, sulla incombente scogliera di 120 metri, nota come Hacksaw Ridge.

Mel Gibson torna alla regia con un film epico, tratto da una storia vera, presentato fuori concorso al Festival di Venezia e ora in fila per sei premi Oscar. E lo fa egregiamente, mettendo in scena un racconto dai bellissimi tratti umani, portando sul grande schermo un eroe ordinario che rischiava d’essere dimenticato. Seppur insignito della Medaglia d’onore dal presidente Truman, «il soldato Doss» visse poi nel nascondimento, fin quasi alla fine dei suoi giorni, sostenendo che i veri eroi furono quelli che morirono sul campo. In questo senso, grazie alla regia «armata» del guerriero di «Braveheart», il film risulta essere un quadro estremamente realista e positivo.

Egli non ci risparmia nulla in fatto di orrore («per dare il senso che quel posto fosse il peggiore mai visto dagli uomini») e sangue (come sempre «abbondante»), ma nemmeno a riguardo della enorme potenza della fede («Quanti sperano nel Signore riacquistano forza»).

Un film affascinante per chi vede, ancora oggi, la vita come una battaglia da vincere. Mai però con un fucile.

Temi: guerra, obiezione di coscienza, eroe, lotta, testimonianza, fede, amore, oblatività.

sdcmilano.it

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi