Dietro al colore della pelle c’è la purezza dell’anima

 Un racconto appassionato e sincero, frammisto di poesia e denuncia sociale, dove l’amore resiste e vince, nonostante tutto.

di Gianluca Bernardini per sdcmilano

«È stato l’amore a portarti qui», recita un verso del romanzo di James Balwin Se la strada potesse parlare. Lo stesso preferito dal regista, premio Oscar, Barry Jenkins (autore di «Moonlight» del 2016) che si è cimentato nella trasposizione cinematografica del romanzo dal titolo omonimo, fra pochi giorni nelle sale. Un racconto appassionato e sincero, frammisto di poesia e denuncia sociale, dove l’amore resiste e vince, nonostante tutto.

Protagonisti due giovani di colore, Tish (Kiki Layne) e Alonzo (Stephan James), detto Fonny, che uniti fin da piccoli, si ritrovano innamorati più che mai, negli anni ’70, nel quartiere di Harlem, Manhattan, a New York. Accusato ingiustamente di stupro, Fonny finisce presto in carcere, proprio poco prima di venire informato di essere il padre del bimbo che Tish porta in grembo.

Un duro colpo per entrambi che, invece di abbatterli, li fortifica.

Soprattutto quest’ultima, resiliente, sostenuta dalla famiglia e dal coraggio della madre Sharon (Regina King, premio Golden Globe per miglior attrice non protagonista), farà di tutto per salvare il suo futuro sposo da un’indebita condanna. La stessa che ha subìto l’amico di lui, Daniel (Brian Tyree Henry), che, uscito dalla galera, porta i segni di tutta la violenza e la bruttura che vi ha dovuto subire.

Tra flashback e la narrazione di Tish sullo schermo passa, tuttavia, potentemente la bellezza e la forza del cuore. Sospeso tra cielo (i sentimenti) e terra (l’amara realtà), il film conduce lo spettatore dentro le emozioni dei suoi protagonisti.

La vita è per tutti dura, ma per qualcuno, sembra esserlo ancora di più. Soprattutto se il colore della pelle è diverso dal «bianco». Ma qui v’è la purezza dell’anima che, per fortuna, prevale. Quella che, a ragione, anche se blues (come la musica che accompagna il film), più facilmente tutti ci unisce.

Parole sante, come le immagini. Da vedere.

Temi: amore, coppia, ingiustizia, lotta, carcere, resilienza, Harlem, razzismo.

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi