A cosa servono i compiti scolastici?

Di Daniele Somenzi

 

Tra le domande di senso sulla scuola e del suo effetto sulla vita che faccio ai ragazzi quando ci conosciamo, una delle principali è “a cosa servono i compiti, secondo te?”

La risposta più frequente che mi viene data è “per capire se ho capito” o anche “per vedere se so farlo”. Risposta correttissima: avere uno spazio diverso nel quale rifare le attività del mattino è fondamentale.

Io penso però che ci sia un altro aspetto da tenere in considerazione mettendo l’attività in relazione con il futuro di ogni ragazzo:i avere occasione di imparare a gestire autonomamente il tempo.

Gestire autonomamente la routine quotidiana rappresenta infatti la maturità; significa raggiungere la capacità nel futuro di poter lavorare gestendo il proprio avanzamento di un progetto.
E nella società di oggi nella quale il lavoro è liquido, poco sicuro, autogestito, sapersi reinventare e sapersi organizzare è fondamentale. Rappresenta inoltre come ognuno decide di prendere il controllo della propria vita.

I concetti che evidenzio con i ragazzi e su cui insieme ragioniamo sono quindi due

  1. Gestione del tempo.
  2. Gestione autonoma.


1.
Gestire il tempo significa avere a disposizione dei blocchi di tempo dal momento in cui si finisce lezione al momento in cui si va a dormire. Significa fare delle previsioni che sono sia sulla giornata di oggi che più a lungo termine e poi fare delle scelte rispetto alle previsioni. Dire quello che andrebbe fatto è un conto. Scegliere di mettersi e farle è tutta un’altra questione

2. E questa questione è il nostro secondo punto. La parola “autonomamente”. Fare quello che si è ipotizzato, autoverificarsi e modificare il tiro a seconda dei feedback e dei dati che si sono raccolti su se stessi, è il punto principale della costruzione della maturità. E’ inoltre correlato a come funziona il nostro cervello, che modifica i comportamenti a seconda dei feedback ricevuti.

 

Questo ragionamento con i ragazzi che incontro è importante, perchè introduce un aspetto del lavoro negli incontri insieme: quello delle richieste. Nel nostro lavoro con loro, noi chiediamo LORO di fare dei passi, delle azioni, delle ipotesi, delle scelte di metodo che poi riverifichiamo insieme.
Lo chiediamo a Loro, non ai genitori, perchè se il punto di vista è il loro, se lo sviluppo deve essere il loro, le azioni che riguardano il loro apprendimento, le possono compiere primariamente loro.
I genitori qui hanno un ruolo fondamentale: quello di predisporre il contesto, seminare e aspettare che i semi maturino.

Lascio un video https://www.youtube.com/watch?v=kEVDuP2suKM&t=2s riguardante alcuni consigli pratici per l’organizzazione del pomeriggio di compiti.

Grazie, a nome di don Bosco, ai nostri benefattori

di don Angel Fernandez Artime   Anche oggi si rinnova in me la convinzione che in ogni momento lo Spirito di Dio suscita milioni e milioni di persone con un cuore deciso a rendere questo mondo sempre più umano. Per questo voglio ringraziare, a nome di don Bosco,...

Non solo studio

di Daniele Somenzi   Incontro Edoardo, studente universitario, per un colloquio di conoscenza e mi colpisce per una frase che qui parafraso “Se la scuola è il contesto unico su cui vieni valutato come persona e in quel contesto fallisci, allora hai fallito in...

La stanza degli abbracci

Di Paola Belletti   Perché questo tempo non è solo "il tempo del Covid" è soprattutto il presente, il solo che ci è dato a disposizione e l'unico nel quale nutrire e curare le relazioni con le persone che amiamo. In una RSA a Castelfranco Veneto hanno realizzato...

Nella fine è l’inizio

Di suor Cristina Merli, FMA   L’irrompere e il perdurare della pandemia nel mondo è un microscopio per leggere il nostro tempo e un telescopio per guardare più lontano. Il Covid-19 è una catastrofe che ha rovesciato tutti gli aspetti della nostra esistenza: dopo...

Nessuna parola

Di Riccardo Deponti   Sono le 03,50. Sono ancora sveglio nel mio letto, con gli occhi chiusi. Ma non riesco ad addormentarmi... parole, frasi, discorsi mi riempiono la testa... Provo a svuotarla... ma nulla. Accendo il cellulare, e provo a mettere un po' di...

Collegi Universitari, accoglienza e formazione

Di suor Silvana Mascotto, FMA   Il trafiletto ‘Il valore dei Collegi universitari di merito’ comparso su Avvenire del 16 ottobre dentro un’ampia pagina che considerava la sfida di Papa Francesco con un ‘patto educativo globale’, ha permesso di rilevare due dati...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi