Essere buoni non significa essere stupidi

da | 18 Lug 2017 | Genitori

Essere buoni è conveniente, perché favorisce il nostro benessere emotivo. I valori umani agiscono in questo caso come fattori di protezione. Esistono dieci valori applicabili ad ogni cultura che sono considerati come positivi. La bontà, l’universalismo, la libertà di pensiero, una vita eccitante, l’edonismo, il successo personale, il potere e i valori più tradizionali quali sicurezza, conformità e tradizione.

Vivere una vita in accordo a valori positivi ci apporta un senso di protezione

Una protezione rispetto ad una società che mostra sempre meno tolleranza verso i problemi. Ogni volta si presentano sempre più problemi adattativi che finiscono per causare patologie, come la depressione, l’ansia, lo stress, etc.

“Quando ogni giorno è uguale a quello precedente è perché l’uomo ha smesso di percepire le cose belle che accadono ogni volta che il sole sorge in cielo”           (Paulo Coelho)

Facendo del bene ai nostri simili, troviamo il nostro

Tutto quello che facciamo nei confronti degli altri è come un boomerang che tornerà indietro, a seconda del modo in cui agiremo. Quando cerchiamo di fare del bene agli altri, tramite pensieri o azioni, potenziamo le nostre connessioni con loro. Connessioni che ci apportano emozioni confortevoli, protagoniste del nostro benessere emotivo.

La maggior parte di ciò che diamo ci viene restituito in qualche circostanza vitale

Molto spesso moltiplicato. Se si tratta di aiutare tramite l’amore, dobbiamo sapere che, offrendolo, ci apriremo a quella legge naturale mediante la quale si ricicla tale sentimento. Costruire il bene comune è un lavoro al quale tutti dobbiamo partecipare. Attualmente, la società è pervasa da un sentimento di indifferenza, le persone sono stanche e ripongono poca fiducia negli altri. Tutti abbiamo la sensazione che, in molti aspetti, la vita ci stia ingannando. Oltre alla diagnosi, sentiamo la necessità di uscire da tale situazione.

La società ha bisogno di comportamenti esemplari da parte di ognuno degli individui che la compone: insieme all’indipendenza di giudicare le persone che hanno agito male in passato, questo è l’unico modo per assicurarci un futuro migliore. Ciò che date agli altri, lo date anche a voi stessi. E vi private di ciò che non offrite.

L’unico segno di superiorità è la bontà

Qualsiasi atto di bontà è una dimostrazione di potere. Essere persone benevole non implica aumentare la tolleranza a ciò che è rovinoso o conformarsi all’inettitudine, ma avere la volontà di fare del bene. Ricordate che la vostra bontà è tanta quanto l’atto migliore che avete compiuto in vita vostra.

La pazienza è la migliore virtù per descrivere le persone buone.

Coglie la capacità di concedere libertà e un margine di errore alle persone che amiamo. Sembra che l’arte della bontà sia un bene scarso, ma è più comune di quanto crediamo.

La vita ricompensa le brave persone tramite la gratitudine.

Un complimento significa che il nostro lavoro è stato riconosciuto, l’affetto che la nostra compagnia è gradita dagli altri; la gratitudine significa che siamo capaci di renderci utili alle altre persone, sia attraverso le nostre parole, i nostri gesti o i nostri comportamenti. I tre elementi, allo stesso tempo (complimenti, affetto e gratitudine) ci permettono di instaurare relazioni più strette e forti.

Fonte: lamenteemeravigliosa.it

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Presentazione Strenna 2021

Nel pomeriggio del 26 dicembre presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana di Roma è stata lanciata, per la prima volta nella storia in diretta mondiale, la Strenna 2021 del Rettor Maggiore «Mossi dalla speranza: “Ecco, io...

1 Km per la speranza

Di Riccardo Schiavo Roberto Miglio insegna educazione fisica alla Maria Ausiliatrice di San Donato M.se Ammalarsi di Parkinson e vedere, in mezzo al nero, un’opportunità per lanciare un messaggio positivo. Roberto Miglio insegna educazione fisica alla scuola salesiana...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi