Il nonno di Gianni Agnelli, fondatore della Fiat, intervistato dal Bollettino Salesiano, nel 1934, ricorda così il padre e maestro dei giovani.
A sua volta fondatore di una “fabbrica dell’educazione”.

Il Senatore Giovanni Agnelli ricordava così Don Bosco: “Quando io ero piccolo, ebbi la fortuna di conoscere Don Bosco mi pare di vederlo ancora, semplice e familiare, seduto alla mensa di mio nonno. Allora la “Fiat” non esisteva; Torino non era ancora una città industriale; però Don Bosco aveva già posto le imprese del suo immenso edificio di bene, della sua fabbrica di educazione che doveva estendersi fino agli ultimi confini della terra.
La “Fiat” conosce molto bene l’importanza sociale e religiosa dell’Opera Salesiana, perché dovunque arrivano le nostre macchine, dovunque vadano, per vie nuove e in terre sconosciute, là incontrano immancabilmente questi “pionieri” della civilizzazione, là trovano dispiegate le bandiere gloriose di Don Bosco”.

Senatore Giovanni Agnelli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi