Netflix

da | 30 Gen 2017 | Genitori

Netflix ha cambiato il modo in cui i ragazzi guardano la Tv

Il servizio di streaming online ha raggiunto i 93,8 milioni di abbonati in tutto il mondo, e si fa strada l’idea che i ragazzi siano dipendenti dai propri show preferiti

Netflix sta cambiando il modo di vedere film e serie tv. La società, che ha appena celebrato il suo decimo compleanno, ha sviluppato un servizio di streaming online on demand, accessibile tramite un apposito abbonamento. Dal 2011 produce anche contenuti originali per il suo servizio “Watch Instantly”: il banco di prova è stato House of Cards, la pluripremiata serie incentrata sugli intrighi alla Casa Bianca con protagonisti Kevin Spacey e Robin Wright. I pilot evento di quest’anno sono quasi tutti targati Netflix (ad eccezione di Westworld, HBO, e This is Us, NBC). Tre titoli su tutti: Stranger Things, The OA e The Crown, che lo scorso 8 gennaio si è aggiudicata il Golden Globe come Miglior Serie Drammatica. Un successo straordinario, soprattutto tra i giovani. Anche troppo, secondi alcuni, tanto da arrivare ad essere considerata la nuova droga degli studenti. È difficile rinunciarvi, soprattutto per chi ha orari molto flessibili e ritmi di vita che lasciano tempo libero, come gli universitari.

L’ossessione per il binge-watching

Studi dicono che servono almeno otto ore di sonno per avere una mente attenta durante le lezioni a scuola o all’università. Ma se si ha a disposizione l’intera prima stagione di Stranger Things, senza interruzioni pubblicitarie, con il conto alla rovescia di 15 secondi tra un episodio e l’altro, cosa saranno mai 55 minuti in più? Non si può resistere. Ed ecco nascere una nuova ossessione compulsiva: Netflix. Per sfuggire alle pressioni della vita universitaria, lo studente moderno può ritrovarsi spesso da solo di fronte ad un computer portatile in camera a guardare il portale streaming. Ma il binge-watching può essere considerato come una vera dipendenza? Non secondo la dottoressa Sally Marlow, che lavora nel reparto dipendenze del King College di Londra: “Tutti conoscono questi comportamenti auto-indulgenti. Abbiamo amici che mangiano troppo, o che si bevono una pinta di birra in più al pub, ma queste non sono necessariamente dipendenze. È facile dire ‘sono dipendente dalla cioccolata’, oppure ‘sono dipendente da Netflix’ ma non significa necessariamente che sia vero”.

Testi tratti da: Lucia Lorenzini – Ischool (startupitalia)

1^ Domenica dopo la Dedicazione

1^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A Vangelo di Luca, 24,44-49° Comento di suor Beatrice Schullern, FMA   In questa Giornata Missionaria Diocesana, la liturgia offre alla nostra meditazione le parole di Gesù agli undici riuniti nel cenacolo. Il sepolcro...

30^ Domenica del Tempo Ordinario

30^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo, 22,34-40 Commento di suor Silvia Testa, FMA   Nello studio della Legge, quindi della Torah, i rabbini avevano individuato 613 precetti, un lungo elenco di norme da rispettare. Nelle scuole teologiche...

A scuola per essere felici

L’Assemblea CIOFS/Scuola elabora un Manifesto per esprimere l’identità della Scuola Salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Italia.   Il 10 ottobre 2020, il Direttivo Nazionale del Centro Italiano Opere Femminili Salesiane/Scuola (CIOFS/Scuola) si è radunato a...

Un Webinar sull’Enciclica “Fratelli tutti”

Il 9 ottobre 2020 si è svolto un webinar sull’Enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco, promosso dall’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI) e dalla Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).   Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria...

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi