Fecondità e accoglienza

da | 5 Nov 2019 | Giovani

​Essere fecondi per accogliere i giovani con una maternità e paternità che li rigeneri ogni giorno.

Scritto da Chiara Amirante per nuoviorizzonti.org

Fare memoria ed essere fecondi: in questi mesi abbiamo meditato le parole affidateci da Papa Francesco nel videomessaggio per i 25 anni della comunità e ora ripartiamo con nuovo slancio e progetti concreti.

Siamo partiti dalla strada ascoltando il grido di quello che chiamo “il popolo della notte” e continuiamo a cercare le persone dove si trovano. La fecondità la esprimiamo accogliendo i giovani con una maternità e paternità che li rigeneri ogni giorno facendoci realmente carico delle ferite dei loro cuori.

Nella sede centrale della Cittadella Cielo di Frosinone è già attiva una realtà sia di formazione al volontariato internazionale sia di accoglienza con circa 120 persone, il progetto crescerà nei prossimi anni e prevede una comunità residenziale di accoglienza per le nuove dipendenze, le casette per i consacrati a vita comune, la “Casetta del Tesoro” ovvero un hospice per malati terminali: sarà il cuore della Cittadella la sapienza della sofferenza, che già ora riceviamo dai “crocifissi vivi” che incontriamo.

Proseguono e si arricchiscono poi i progetti per i giovani proprio prendendo spunto dalle parole del Santo Padre: il 2019/2020 sarà un anno pieno di missioni in Italia e all’estero. Settimane di prevenzione e sensibilizzazione nelle scuole e nei luoghi di aggregazione a Frosinone ad ottobre ed una a maggio a Roma, inoltre avremo missioni programmate in Brasile, in Spagna, in Polonia, in Slovacchia.

Dal 2-3 novembre ripartiranno i weekend mensili di “Arte di Amare”, il corso di conoscenza di sè e guarigione del cuore basato sulla spiritherapy legati anche all’ultimo libro (“La guarigione del cuore”)

L’10-11 ottobre ci sarà il Festival Incanto della Terra che a Frosinone coinvolgerà 600 studenti legato al Progetto T.E.R.R.A. (finanziato dall’Impresa Sociale Con i Bambini) che coinvolge 35 partner in 48 mesi70 docenti nelle 6 regioni, 75 operatori del terzo settore e i loro studenti, puntando ad un modello di inclusione sociale e di contrasto della povertà educativa con l’obiettivo di integrare la partecipazione attiva della cittadinanza alla solidarietà sociale. Si concluderà il progetto “Punta in Alto” volto a contrastare e prevenire la ludopatia operando in 23 scuole di 6 regioni italiane avendo raggiunto 22.000 studenti in un anno e mezzo.

Partirà una nuova sfida con il progetto “Ciak si gira” (in collaborazione con la Fondazione Affinita l’Impresa sociale “Con i bambini”) che a Frosinone impegnerà 60 ragazzi svantaggiati in un percorso di formazione di quattro anni attraverso i linguaggi multimediali che li aiuterà a formarsi e a produrre un format televisivo creando concrete possibilità di lavoro nei media.

Nell’era della comunicazione si sperimenta sempre di più la solitudine. Solo rendendo protagonisti i giovani, puntando sui loro talenti e credendo in loro, si può lavorare sulle loro ferite e aiutarli così a realizzare il grande sogno che Dio ha su ciascuno di loro!

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi