Le FMA vicine al popolo libanese

da | 21 Set 2020 | Giovani

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.

 

(Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto il porto e colpito l’intero Paese del Libano. Oltre 200 le vittime, più di 6000 i feriti e circa 300.000 le persone che sono state sfollate e hanno bisogno di aiuto.

L’Ispettoria Gesù Adolescente del Medio Oriente (MOR) si è unita in preghiera per il Libano, per le vittime e per le famiglie che hanno perso tutto: casa, famigliari, lavoro e futuro. Insieme alle Comunità Educanti, hanno prestato aiuto con diverse iniziative di sostegno alle famiglie.

Una FMA racconta: “La Comunità di Kahhale è la più vicina a Beirut. FMA, Salesiani Cooperatori e oratoriani, si sono messi subito al lavoro. Si sono divisi in due gruppi e sono andati a Beirut. Un gruppo ha preparato i panini alla gente bisognosa e l’altro gruppo si è unito agli altri volontari delle Chiese per pulire le strade piene di macerie a causa dell’esplosione”. 

I Salesiani Cooperatori hanno avviato un’iniziativa “Un caffè per il Medioriente” per raccogliere fondi e aiutare la gente. La Comunità Maria Immacolata Ausiliatrice di Kahhale sta aiutando 10 famiglie nella riparazione delle case, delle porte e finestre che sono andate distrutte.

Nella Comunità Maria Ausiliatrice di Kartaba, 3 giovani vigili del fuoco, che lavoravano a Beirut, sono morti dopo l’esplosione. Le FMA a Kartaba organizzano incontri e momenti di preghiera con le famiglie e per le famiglie per sostenerle; assistono e si prendono cura dei bambini e degli adulti ammalati di cancro che non possono recarsi a Beirut per le cure.

Le tre scuole dirette dalle FMA in Libano stanno sostenendo le famiglie con la diminuzione delle rette scolastiche, assumendo la povertà dovuta al crollo economico e cresciuta dopo l’esplosione al Porto che ha avuto ripercussioni su tutto il Paese.  La disoccupazione in Libano ha raggiunto più del 50% della popolazione e la valuta della lira libanese ha perso valore nei confronti del dollaro del 80%. La povertà si sta trasformando in miseria, disperazione, sfiducia nelle istituzioni governative.

C’è bisogno di nuova speranza, per ricostruire un Paese già tanto provato da invasioni e guerre, e di una vita più dignitosa.

 

Fonte: cgfmanet.org

1^ Domenica dopo la Dedicazione

1^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A Vangelo di Luca, 24,44-49° Comento di suor Beatrice Schullern, FMA   In questa Giornata Missionaria Diocesana, la liturgia offre alla nostra meditazione le parole di Gesù agli undici riuniti nel cenacolo. Il sepolcro...

30^ Domenica del Tempo Ordinario

30^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo, 22,34-40 Commento di suor Silvia Testa, FMA   Nello studio della Legge, quindi della Torah, i rabbini avevano individuato 613 precetti, un lungo elenco di norme da rispettare. Nelle scuole teologiche...

A scuola per essere felici

L’Assemblea CIOFS/Scuola elabora un Manifesto per esprimere l’identità della Scuola Salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Italia.   Il 10 ottobre 2020, il Direttivo Nazionale del Centro Italiano Opere Femminili Salesiane/Scuola (CIOFS/Scuola) si è radunato a...

Un Webinar sull’Enciclica “Fratelli tutti”

Il 9 ottobre 2020 si è svolto un webinar sull’Enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco, promosso dall’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI) e dalla Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).   Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria...

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi