Quei “giovani favolosi” intorno a noi

da | 18 Nov 2014 | Film, Giovani

Con un gruppo di studenti e di colleghi qualche giorno fa abbiamo visto di pomeriggio “Il giovane favoloso” e subito dopo siamo andati insieme a mangiare un panino.

La visione del film è stata l’occasione per centrare l’attenzione su Giacomo Leopardi, far porre qualche domanda culturale, stimolare la voglia di approfondire.

Non importa dunque se sia piaciuto o meno, se corrisponda al vero o no in tutto o in parte, bensì che ci abbia lasciato qualcosa e magari il sapore della Poesia, come il buon gelato gustato nel film più volte dal poeta di Recanati a Napoli. E poi, se anche uno solo di questa nostra compagnia, come di quelle di altre scuole che hanno fatto esperienze similari, tornando a casa spolvererà un vecchio libro del Poeta o ne digiterà il nome sul web per saperne di più, il lavoro del regista e degli attori sarà stato fruttuoso.

Posso affermare che pure la seconda parte della nostra piccola esperienza extrascolastica è stata ampiamente positiva, poiché ha portato la discussione su Leopardi fuori dall’aula e su un piano quasi da convivio al momento del panino. E ora che il film è quasi fuori dalla programmazione dei cinema, ora che il sipario della critica e dei critici si chiuderà? Che fine farà quel “giovane favoloso” e noi con lui? In una battuta del film si afferma, con ironia mista a disprezzo, che “nel Novecento di Leopardi non si sarebbe ricordata neanche la gobba”; questa affermazione vale se facciamo riferimento non alla Letteratura che non ha potuto fare a meno di lui successivamente, ma a quella parte di società che ha chiuso la Poesia nelle nicchie, a quelle famiglie che non ne hanno fatto pane quotidiano per i figli, a quelle università che l’hanno resa un privilegio per pochi dotti, a tante scuole che l’hanno fatta odiare a memoria, a quella comunicazione di massa che al “vero” e al “bello” ha sostituito la banalità e l’ignoranza.

Eppure, nonostante ciò, la Poesia è fiorita come la ginestra su un terreno aspro in quella parte di società che l’ha accolta come madre e guida, in quelle famiglie che l’hanno raccontata ai piccoli come “storia della buonanotte”, in tante università che ne hanno rivelato i segreti agli studenti, in diverse scuole che non l’hanno frammentata e sventrata analizzandola autopticamente, in quei mass media che hanno dato ai poeti tempo, pagine, spazio, pellicola.

Tra il positivo e il negativo, tra eccezioni e ordinarietà, Leopardi – seppur unico e forse irraggiungibile – vive oggi soprattutto in quei “giovani favolosi” che sono molti dei nostri studenti; sì, coloro che scrivono temi mozzafiato, che leggono i poeti sotto il banco, che appuntano versi nei diari e li incidono sui banchi, che partecipano ai concorsi letterari di nascosto, li vincono pure e i professori gli mettono solo sei in Italiano perché è fuori dai programmi, che pubblicano raccolte di poesia a diciotto anni, che sognano le alte vette fino a “farsi sanguinare il naso”, che parlano “alla Luna” e non si stancano di attendere una risposta.

Marco Pappalardo

Verità e bellezza

Di Micol Forti   Vincent van Gogh ha speso la sua breve vita nella ricerca, intensa, vitale, disperata, della Verità e della Bellezza. Una Verità e una Bellezza che attraverso la pittura — il linguaggio che aveva scelto per capire e comunicare con il mondo —...

Bergamo: nasce “Generavivo”

Di Anna Spena   56 unità abitative in acquisto e locazione a canone calmierato. Un ambulatorio, orti sociali, un co-working, una living room aperta a tutti e la creazione di gruppi di acquisto solidale. "Generavivo" è il concept dell'abitare del futuro che...

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi