Gennaio è sempre un mese ricco di esperienze salesiane, un mese che vede le FMA impegnate in attività e feste con bambini, ragazzi e giovani dei nostri oratori e delle nostre scuole, in testimonianze e giornate formative in oratori e parrocchie delle diocesi, in eventi che scaldano il cuore e riaccendono l’attenzione sulla vita e sul carisma di don Bosco.

Ecco alcuni eventi prossimi o già in atto:

  • La verifica triennale Europa e Medio Oriente

Dall’8 al 12 gennaio ad Ariccia a Roma si è svolta la Verifica Triennale delle Conferenze Interispettoriali Europa e Medio Oriente (CII, CIEM, CIEP) che ha visto la presenza di 101 partecipanti, di cui 13 giovani, 21 laici, 67 FMA in rappresentanza dell’Europa e Medio Oriente, 11 Consigliere generali e la Madre Generale dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, Madre Yvonne Reungoat.

La Verifica triennale ha una duplice finalità: verificare il cammino post-capitolare e offrire indicazioni per il tema del prossimo Capitolo Generale XXIV.

“La Verifica triennale è un’opportunità che l’Istituto ci offre per ravvivare la consapevolezza della nostra Identità carismatica, rileggere il vissuto alla luce della parola di dio e delle sfide dell’oggi e proiettarci con nuova speranza verso il futuro. La verifica è per tutte un’esperienza significativa per rivedere l’impatto che ha in noi e nelle comunità la grande consegna: Allargare lo sguardo per essere con i giovani missionarie di speranza e di gioia” (cfr. Lettera alle Ispettrici).

L’esperienza, che si è conclusa con la Celebrazione Eucaristica presieduta dal Rettor Maggiore Don Ángel Fernández Artime e con una serata di fraternità all’insegna della gratitudine, ha dato anche la possibilità di approfondire il tema “Il Sinodo sui giovani ci interpella”, la cui relazione è stata tenuta da Don Rossano Sala SDB, docente UPS e Segretario speciale del Sinodo, a cui è seguita una tavola rotonda con alcune novizie FMA e giovani.

  • Il 150° della consacrazione della Basilica di Maria Ausiliatrice (1868-2018)

La comunità FMA di Casa generalizia a Roma, la sera dell’8 gennaio 2017, ha avuto la buona notte in cui è stato messo in risalto il 150° della consacrazione della Basilica di Maria Ausiliatrice (1868-2018). Sr. Piera Cavaglià, Segretaria generale dell’Istituto delle figlie di Maria Ausiliatrice ha così introdotto la buona notte:

«Questo è l’anno del Sinodo sui giovani e delle Verifiche triennali, ma è anche il 150° della consacrazione della Basilica di Maria Ausiliatrice (1868-2018). Per noi FMA questo non è solo un evento storico, ma una chiamata nuova a riscoprire i motivi per cui don Bosco ha innalzato quel tempio a Maria e ha voluto il nostro Istituto profondamente collegato ad esso».

Ha poi ripercorso alcuni momenti significativi che hanno caratterizzato la consacrazione della Chiesa di Maria Ausiliatrice il 9 giugno del 1868, sottolineando in particolare come l’Istituto delle FMA è monumento vivo di gratitudine a Maria Ausiliatrice, e ha detto:

Don Bosco stesso lo aveva confermato nel giorno della Fondazione dell’Istituto: «Voi ora appartenete a una Famiglia religiosa che è tutta della Madonna… Abbiate come gloria il vostro bel titolo di Figlie di Maria Ausiliatrice, e pensate spesso che il vostro Istituto dovrà essere il monumento vivo della gratitudine di don Bosco alla Gran Madre di Dio, invocata sotto il titolo di Aiuto dei cristiani» (Cronistoria, I 306).

Ogni pietra di quella Chiesa era “una grazia di Maria”, e ogni FMA avrebbe dovuto essere “un grazie a Maria”. Il monumento, nell’intenzione di don Bosco, è simbolo di un’identità, sintesi di un patrimonio carismatico che rivela aspetti tipici di una spiritualità e di una missione. Il monumento porta a far memoria, ad essere segno di una realtà più grande.
Come ci ricorda il Progetto Formativo «ognuna di noi è memoria vivente di Maria, la Vergine del Magnificat … segno e testimonianza dell’amore di Dio per i giovani»
(Nei solchi dell’Alleanza, p. 30).

L’evento celebrativo di quest’anno ci aiuta perciò a ritrovare la gioia e la bellezza della nostra vocazione: «essere risposta di salvezza alle attese profonde delle giovani» (C 1).
La nostra esperienza di affetto filiale per Maria, Madre dell’umanità e della Chiesa, diviene una chiamata ad essere con Lei e come Lei “ausiliatrici” tra le giovani e i giovani più bisognosi (C 4). Solo se radicate in Gesù, possiamo realizzare la missione per cui siamo state suscitate dallo Spirito Santo per la vita di tanti bambini/e, adolescenti e giovani».

  • La 36ª Giornata della Famiglia Salesiana

Si svolge dal 18 al 21 gennaio 2018 a Torino la 36ª Giornata della Famiglia Salesiana sul tema della Strenna 2018: “Signore, dammi di quest’acqua” (Gv 4,15). Coltiviamo l’arte di ascoltare e di accompagnare. Per la prima volta a Torino-Valdocco, luogo dove Don Bosco donò il primo messaggio ai suoi figli salesiani e che nel tempo assunse il nome di “Strenna”.
La 36ª GFS verrà trasmessa in diretta streaming sulla pagina Facebook ANS.

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi