Per un’Italia del quotidiano

…e non solo delle “inaugurazioni” e dei “primi annunci”

Di Andrea Lonardo

Non si tratta di iniziare, si tratta di proseguire e di aggiustare giorno dopo giorno.

Non si tratta di realizzare una strada, ma di avere pronta una squadra di “stradini” che ogni giorno, anno dopo anno, decennio dopo decennio, secolo dopo secolo, si alzi al mattino per riparare le buche.

Quanta architettura moderna è stata progettata senza pensare al domani, senza pensare a chi dovrà lavare, quando la polvere annerirà le vetrate più alte e il ferro del cemento armato arrugginirà le strutture. Nessuno sembra accorgersi che edifici famosissimi (si pensi anche  ai grattacieli o alle case di Le Corbusier) invecchiano rapidamente e, presentati come splendidi il giorno della loro inaugurazione, non reggono al passo del tempo, dopo pochissimi anni dal loro primo utilizzo.

Anche l’edilizia ecclesiastica è spesso in mano a ditte che si preoccupano di strappare l’appalto, non del domani della vita della comunità parrocchiale.

Ma tutto questo vale anche per la scuola, l’educazione e la catechesi. Non basta il “primo” annunzio. Serve ancor più l’amore per l’ordinario, per la messa domenicale, per la confessione che “ripara”; per l’oratorio, per i campi estivi dei gruppi giovanili ed il cammino dei giovani man mano che dal liceo passano all’università e poi si sposano, e così via.

Serve una comunità dalla quale, se a qualcuno capita di allontanarsi, la ritrovi stabile se decide di tornare. Non basta moltiplicare figliol prodighi all’infinito, servono anche padri che restino ad abitare una casa.

Non sono sufficienti comunità fatte solo di persone con cammini “peculiari”, servono comunità ordinarie, abituate al tran tran della vita quotidiana. Una comunità che disprezzi la vita ordinaria, le prime Comunioni, l’oratorio estivo, lo scautismo, le tradizioni, le feste popolari, la nascita e la morte, la vecchiaia e l’infanzia, non potrà mai essere ordinaria. Cercherà cammini “unici”, stratosferici, che alla fine non saranno quelli della vita vera, che deve sempre essere “manutenuta”.

Vita è uguale a manutenzione, a routine, ad ordinarietà.

Anche i social sembrano essere catapultati verso velocità sempre maggiori – non è insensibile il passaggio da FB a qualcosa di ancor più veloce che è Instagram con le sue storie che vengono cancellate nel giro di 24 ore: ciò che dura sembra non interessare, mentre in realtà ciò che dura è l’unica cosa interessante!

Non esiste una vita che non guardi a ciò che stancamente si ripete; la vita è vera proprio quando si ripete stancamente (nel senso migliore del termine, perché ci si “stanca”, ci si “affatica” nell’ordinario).

La famiglia ne è l’esempio più evidente. Ciò che tiene nella famiglia è esattamente il fatto che essa è ordinaria e quotidiana. Non è uno slancio, un flatus, un irrompere.

È vero pure nella vita sociale e politica. Si tratta non solo di salvare in mare, ma di integrare nel lavoro e nella cultura. Non di dare qua e là denari a perdere, ma di ridurre le tasse e promuovere il lavoro. Si tratta non di dare i 18 politici all’università o alle superiori, ma di uno studio serio e diuturno.

Si tratta di puntare sui tempi lunghi e in prospettiva “Popolare”, in un discorso che deve coinvolgere tutti. Facendo memoria dei “progetti” che hanno attraversato i secoli. L’esperienza è propria di chi conosce la dimensione “tempo” ed ha “sperimentato” ciò che dura, ciò che resta, ciò che è vero da millenni (e non lo baratta per l’effimero che dura il tempo di un mattino), i punti di riferimento che sostengono il cammino.

E che accetta di abbassarsi alle riparazione di ogni giorno, a quelle sciocche riparazioni e revisioni quotidiane, che sono il nutrimento della vita.

Fonte: gliscritti.it

 

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Dedicazione del Duomo di Milano

Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani Vangelo di Matteo 21,10-17 Commento di suor Antonia Franzini, FMA   Prima di condividere con voi alcune brevi riflessioni attorno al Vangelo di oggi, permettetemi di dare qualche...

31^ Domenica del Tempo Ordinario

31^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo 22,15-21 Commento di suor Laura Agostani, FMA   Troppo ostiche queste parole di Gesù! Ci ha lasciato domenica scorsa con un invito a nozze poco corrisposto, col monito dei molti chiamati e dei pochi...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi