Rupnik, le foibe, la Luce.

da | 10 Feb 2017 | La buona parola

A tutti sarà capitato di vedere, almeno per foto, i bellissimi mosaici di padre Marko Ivan Rupnik e del suo atelier. Per chi non lo conoscesse, padre Rupnik è un sacerdote sloveno gesuita, artista e mosaicista che ha deciso di mettere il suo talento a servizio del Signore, per abbellire chiese e santuari di tutto il mondo con l’antica arte del mosaico e con la sapienza della spiritualità cristiana, come nei primi secoli del Cristianesimo.

Ma cosa c’entrano i mosaici, l’arte, la bellezza, la luce, con la tragedia dimenticata delle foibe e con il dolore straziante del mondo?

Qualche anno fa, è stato chiesto a Padre Rupnik di realizzare un mosaico in Slovenia, nel bosco di Kocevski Rog, famoso per le sue foibe che nascondono ancora migliaia di morti: “Quando mi hanno chiesto di fare questo mosaico in questo bosco, mi sono messo in comunione con questi uccisi, mi sono rivolto a loro, perché sento che l’arte deve dare voce a quelli che non ce l’hanno. Questi caduti sono chicchi di grano, che noi solo alla fine della storia comprenderemo quali germogli hanno generato”. Così racconta il sacerdote in un bellissimo documentario, Il colore dell’Amore.

Più volte, di fronte alle tragedie della storia e alle tragedie del nostro tempo, mi sono chiesta come tutto quel male fosse possibile.

Credo che la fede sia uno dei pochissimi modi che abbiamo – se non l’unico – per guadare oltre il male. È la tragedia del peccato che ci rende incapaci di amare, che ci fa distruggere relazioni, famiglie, vite umane. Mi rendo conto di quanto sia folle e disumano allontanarsi da Dio, rifiutare il suo amore, e mettersi al suo posto.

Ma la fede ci insegna l’arte della speranza, che è quell’atteggiamento realistico di chi ha visto il male e l’ha vissuto in prima persona, ma ha visto anche la bellezza della Trasfigurazione, e sa per certo che ciò che ci aspetta dopo il buio della morte è la Luce.

“Tutto ciò che viene sofferto nel buio perché si ama, nell’altro mondo non è buio ma la luce” dice Rupnik, esattamente come quel disegno nero tracciato con un carboncino, cioè con un pezzo di legno bruciato, insignificante, brutto, che di lì a poco diventerà un mosaico pieno di colori, capace di riflettere la Luce e di lasciarci pieni di meraviglia.

Ecco cosa possiamo insegnare ad un mondo che si scoraggia di fronte al male, che si dispera di fronte alla morte, che chiede vendetta o che spera di trovare l’elisir di lunga vita: se Lazzaro è uscito dal sepolcro e ha guadagnato qualche anno in più di vita, non è quella la resurrezione che ci è stata promessa.

Noi crediamo in un Dio realmente morto sulla Croce dei nostri peccati e delle nostre sofferenze e realmente risorto, un Dio che ha condiviso con l’uomo la sofferenza della malattia, dei massacri, delle guerre, lo stesso Dio che ci ricorda che chi perde la propria vita per causa Sua la ritroverà in pienezza. E che la Vita, quella vera, sarà per sempre e ci farà splendere come tasselli dorati di un mosaico.

La speranza che ci dà la fede è la vera grande arte nella vita, dice padre Rupnik: “è come vedere già nel carbone il diamante, ossia nelle tenebre la luce, dall’angolo più perduto della terra fino all’amore di Dio”. Dalle tenebre fino alla luce. È un’arte da imparare!

Fonte: Sara Manzardo – CORXIII

Un nuovo modello di Parrocchia

La paura del contagio frena l’affluenza nelle chiese. Lenza (psicologa): “Passare a un modello di parrocchia che va verso i fedeli”   Di Serena Rubini   Contro la paura serve pensare a nuovo modello di parrocchia, aiutare gli altri e rispettare i propri...

Bud, un gigante per papà

La figlia di Bud Spencer: ho avuto un padre dal cuore smisurato   Di Annalisa Teggi   Calzava il numero 47 ai piedi, Bud Spencer «in arte Carlo Persoli» (così disse lui ridendo alla consegna del David di Donatello). Quel numero di piede così grande dice...

Sognate e fate sognare

“Sognate e fate sognare” - Papa Francesco ai Salesiani Poveri giovani, se oltre a tutto quello che subiscono oggi, uccidiamo o calpestiamo anche i loro sogni e il loro desiderio di fare qualcosa di grande e bello con la vita.   Di don Angel Fernandez Artime  ...

La famiglia non basta a se stessa

di Luigi Ballerini   «Noi genitori non bastiamo ai nostri figli. Con il lockdown siamo stati costretti a ricordare che la famiglia non è un clan e nemmeno un rifugio, che non basta a se stessa, ma che rappresenta il punto di lancio verso tutti gli incontri...

Teatro sull’Apecar

Giacomo Poretti: il cuore del paese riparte da un matto sull’Apecar Di Annalisa Teggi L‘amatissimo attore milanese ha fatto quattro chiacchiere con noi per raccontare il suo debutto di domani con un monologo teatrale a bordo di un’Apecar. Dopo il lockdown la gente si...

I cuori ribelli del 1914

Così un liceo riporta in vita i cuori ribelli del 1914 Di Flavio Zeni 45 liceali hanno ricostruito la storia di 27 minori ritenuti “irrecuperabili” ai tempi della Grande guerra. Ne è nato un libro   Un libro che racconta le storie di 27 minori ritenuti...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi