Una novità piena di amore

A causa della pandemia, l’8 dicembre prossimo, per la prima volta, il Pontefice non sarà presente in Piazza di Spagna per il tradizionale omaggio alla Vergine nel giorno della Solennità della concezione immacolata di Maria. Al suo posto, previsto un gesto di devozione privato. Antonino Grasso, mariologo: “Questa volta il tradizionale atto di affidamento di Roma e dell’Italia verrà esteso a tutti i sofferenti della Terra. Una novità piena d’amore”.

Di Federico Piana

 

Da quando, per la prima volta, Pio XII visitò la statua della Vergine omaggiandola con uno splendido cesto di fiori bianchi in quel lontano 8 dicembre 1953, giorno d’apertura dell’Anno Mariano, Piazza di Spagna a Roma non aveva mai visto l’assenza di un pontefice che nella Solennità dell’Immacolata affidasse a Maria le sorti di Roma e dell’Italia. C’è voluta una drammatica pandemia, che ancora fa registrare centinaia di migliaia di contagi e decessi, per imporre a Papa Francesco la dolorosa scelta di cancellare un appuntamento ormai diventato tradizione. Al suo posto, per evitare assembramenti e rischi per i fedeli, il Santo Padre compirà un atto di devozione privato, come annunciato dalla Sala stampa vaticana.

 

Affidamento a Maria dei sofferenti del mondo, altra novità

Anche questa sarà una novità. “Perché – spiega Antonino Grasso, mariologo, docente all’Istituto Superiore di Scienze Religiose ‘San Luca’ di Catania – il Pontefice affiderà alla Madonna non solo, come vuole la prassi, la Città Eterna e i suoi abitanti, ma stavolta includerà anche i molti malati di ogni parte del mondo”. E lo farà presentando le nostre attuali difficoltà e debolezze. “Il Papa si rivolgerà alla Vergine sapendo che, quando noi la supplichiamo, lei supplica per noi. La Madre di Misericordia intercede prontamente, non ritarda mai”.

 

Profondo legame tra Roma e la Vergine

Dopo Pio XII, fu il suo successore sul soglio di Pietro a continuare il gesto della devozione e dell’affidamento alla Vergine. “Giovanni XXIII – ricorda il professor Grasso – si recò per la prima volta in Piazza di Spagna l’8 dicembre del 1958 mentre Paolo VI lo fece alla chiusura del Concilio Vaticano II, l’8 dicembre 1965. Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI e ora Papa Francesco hanno continuato a far vivere questa tradizione, sottolineando, con i loro interventi, il profondo legame di Roma e dell’Italia con la Vergine”.

 

La colonna inaugurata dopo la proclamazione del dogma dell’ Immacolata

La colonna che sorregge la statua in bronzo di Maria, collocata accanto a Piazza di Spagna, ha una storia ancora più antica dell’atto di devozione ed affidamento. Fu realizzata su progetto dell’architetto Luigi Poretti e inaugurata da Pio IX. “L’inaugurazione – racconta Grasso – avvenne l’8 dicembre del 1857, tre anni dopo la proclamazione solenne del dogma della concezione immacolata di Maria. La colonna, usata per la creazione del monumento, fu rinvenuta nel 1777 durante i lavori di rinforzo delle fondamenta di un edificio donato da Pio VI alle monache benedettine di Santa Maria in Campo Marzio e contengono scolpiti anche i versetti della Sacra Scrittura che fanno riferimento al dogma”.

 

Fonte: vaticannews

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

La parte migliore

Di Annalisa Teggi   È morta sabato 12 dicembre, dopo essere stata investita nel tardo pomeriggio: Suor Maria Assunta Porcu era in bicicletta e stava portando un pasto caldo a un senzatetto la cui storia si era presa a cuore. In periferia a Milano Aveva 63 anni e...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

“Fano” e il poster della Strenna 2021

Il celebre disegnatore spagnolo Patxi Velasco Fano – in arte, semplicemente “Fano” – già autore del poster della Strenna del Rettor Maggiore per il 2018, è da anni legato da vincoli di stima e amicizia alla Famiglia Salesiana. Saputo che il motto della Strenna per il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi