La maratona della libertà

da | 22 Mag 2019 | Giovani

La maratona della libertà

Striscia di Gaza: giovani israeliani e palestinesi costruiscono la pace a colpi di pedale e di video-chiamate Skype

Una pedalata in bici per la libertà e la pace e rompere il silenzio che ruota intorno a ciò che sta accadendo al confine della Striscia di Gaza: ad organizzarla, il 17 maggio, è il Comitato giovanile di Gaza (Youth Committee), fondato nel 2010 da Rami Aman, ingegnere oggi 38enne, con lo scopo di collegare, attraverso la rete e i social media, i giovani di Gaza con i loro coetanei israeliani e spezzare così l’isolamento in cui vivono.

Centocinquanta giovani, provenienti dai 5 governatorati della Striscia, hanno pedalato dal centro di Gaza City, fino al confine con Israele, mostrando striscioni inneggianti alla pace e alla libertà. All’evento, che porta significativamente il titolo di “Freedom Marathon” (maratona della libertà) stanno lavorando anche altre organizzazioni e gruppi attivi all’interno della Striscia.
Tutti con l’obiettivo dichiarato di far conoscere a quanta più gente possibile le azioni promosse dalla società civile gazawa per favorire la pace e la libertà per Gaza e per i “vicini israeliani”.
Analoga pedalata ha avuto luogo, nello stesso giorno e nella stessa ora, sul lato israeliano del confine con Gaza. Ad organizzarla saranno giovani attivisti israeliani.

La maratona della libertà non è l’unica attività promossa dal Comitato giovanile di Gaza. Solo nell’ultimo anno si contano almeno 24 eventi di pace e di incontro. Tra questi, segnalano dallo Youth Committee, l’operazione “Claeaning the hate” (spazzare via l’odio) che ha visto giovani palestinesi e israeliani impegnati con varie attività nel campo del mutuo rispetto e della conoscenza. Lo scorso settembre è stata lanciata “Peace carpet” (tappeto di pace). I giovani gazawi, con il sostegno di donne israeliane, hanno distribuito nella Striscia e in Israele indumenti con messaggi e disegni di pace così da favorire relazioni durature e sostenibili. Altri progetti hanno coinvolto musicisti israeliani e giovani di Gaza.
In un caso è stato preparato un video sulle note del famoso brano di Bob Marley, “One love”, intitolato “One Love… One heart”.

IL SOGNO SI FA DISEGNO

IL SOGNO SI FA DISEGNO Festa del Grazie ispettoriale   In continuità con la visita della Madre, continuiamo a sognare e a coltivare germogli di sogno. In questo bicentenario del sogno dei 9 anni, vivremo la FESTA DEL GRAZIE al Colle don Bosco il 6 aprile 2024....

Quaresima 2024 – Attraverso il deserto Dio ci guida alla libertà

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA QUARESIMA 2024   Attraverso il deserto Dio ci guida alla libertà   Anche quest’anno il messaggio di Papa Francesco ci aiuta ad entrare in Quaresima con un cuore orientato alla meta: la libertà. Solo desiderando la...

Un sogno da far crescere

9-11 febbraio. Giorni ricchi e intensi per Madre Chiara in visita alla nostra ispettoria.  Per lei è un ritorno in una terra conosciuta, per noi un’accoglienza attesa.    Venerdì sera un caldo “benvenuta” dalle due comunità di Milano via Timavo e sabato mattina...

Lettera ad un adolescente

- Angela Maiale -   LETTERA AD UN ADOLESCENTE       VITTORINO ANDREOLI 2004 RIZZOLI   E’ uscito nel Gennaio 2004 questo libro dello psichiatra e scrittore Andreoli; compie  20 anni da che è stato scritto! Me ne sono accorta per caso, riprendendolo qualche...

Casa Emmaus

Casa Emmaus: una comunità di Figlie di Maria Ausiliatrice che sa di casa, che accoglie e accompagna giovani donne in discernimento vocazionale. Ragazze che desiderano conoscere il carisma salesiano e approfondire il proprio cammino di fede e di vita cristiana. Ragazze...

Buon Natale!

BUON NATALE 2023! «Davanti ad ogni presepe, anche a quelli realizzati nelle nostre case, noi riviviamo ciò che è avvenuto a Betlemme più di duemila anni fa.» (Papa Francesco, 9 dicembre 2023)    Nell’ottavo centenario del primo presepe realizzato da San Francesco...