La maratona della libertà

da | 22 Mag 2019 | Giovani

La maratona della libertà

Striscia di Gaza: giovani israeliani e palestinesi costruiscono la pace a colpi di pedale e di video-chiamate Skype

Una pedalata in bici per la libertà e la pace e rompere il silenzio che ruota intorno a ciò che sta accadendo al confine della Striscia di Gaza: ad organizzarla, il 17 maggio, è il Comitato giovanile di Gaza (Youth Committee), fondato nel 2010 da Rami Aman, ingegnere oggi 38enne, con lo scopo di collegare, attraverso la rete e i social media, i giovani di Gaza con i loro coetanei israeliani e spezzare così l’isolamento in cui vivono.

Centocinquanta giovani, provenienti dai 5 governatorati della Striscia, hanno pedalato dal centro di Gaza City, fino al confine con Israele, mostrando striscioni inneggianti alla pace e alla libertà. All’evento, che porta significativamente il titolo di “Freedom Marathon” (maratona della libertà) stanno lavorando anche altre organizzazioni e gruppi attivi all’interno della Striscia.
Tutti con l’obiettivo dichiarato di far conoscere a quanta più gente possibile le azioni promosse dalla società civile gazawa per favorire la pace e la libertà per Gaza e per i “vicini israeliani”.
Analoga pedalata ha avuto luogo, nello stesso giorno e nella stessa ora, sul lato israeliano del confine con Gaza. Ad organizzarla saranno giovani attivisti israeliani.

La maratona della libertà non è l’unica attività promossa dal Comitato giovanile di Gaza. Solo nell’ultimo anno si contano almeno 24 eventi di pace e di incontro. Tra questi, segnalano dallo Youth Committee, l’operazione “Claeaning the hate” (spazzare via l’odio) che ha visto giovani palestinesi e israeliani impegnati con varie attività nel campo del mutuo rispetto e della conoscenza. Lo scorso settembre è stata lanciata “Peace carpet” (tappeto di pace). I giovani gazawi, con il sostegno di donne israeliane, hanno distribuito nella Striscia e in Israele indumenti con messaggi e disegni di pace così da favorire relazioni durature e sostenibili. Altri progetti hanno coinvolto musicisti israeliani e giovani di Gaza.
In un caso è stato preparato un video sulle note del famoso brano di Bob Marley, “One love”, intitolato “One Love… One heart”.

Parlare col cuore

Roma (Italia). Il 24 gennaio 2023, nella memoria liturgica di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti e dei comunicatori, Papa Francesco rende noto il Messaggio per la 57° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali (GCMS), che quest’anno si celebra, in...

Destinatario sconosciuto

Di Angela Maiale   Katherine Kressmann Taylor 1938          BUR contemporanea 2003   Martin e Max sono amici fraterni, sono anche soci in affari: Martin è tedesco, e Max un ebreo americano, siamo nel 1932 ed Hitler sta ormai prendendo il potere in Germania....

Le otto montagne

Di Riccardo Copreni   Pietro (Luca Marinelli) è un ragazzo di città, figlio di un ingegnere della Fiat di Torino, che da piccolo inizia a trascorrere le vacanze estive in un paesino di montagna dove i suoi genitori hanno comprato una casa. Lì conosce Bruno...

Il cuore di don Bosco

Di suor Chiara   Alle porte della festa di don Bosco mettiamo a disposizione qualche “perla”, nonché qualche episodio narrato da chi ha vissuto con lui, che ci aiuterà sicuramente a conoscere un po’ di più il grande cuore del padre, maestro e amico dei giovani....

Tutto appartiene all’amore

di suor Chiara Papaleo     Tutto appartiene all’amore… 400 anni fa come oggi A 400 anni dalla morte di San Francesco di Sales Papa Francesco fa un regalo alla famiglia salesiana e alla Chiesa intera, scrivendo una lettera apostolica, intitolata “Totum amoris...

Salvare il mondo partendo dal basso

di Don Marco Pozza     Per essere aiutato a venir al mondo – senza farlo scoppiare d’impossibilità – chiese aiuto ad una donna, fattasi nel tempo (Ma)donna: una sorta di richiesta di collaborazione più che un annuncio di quelli che si fanno a cose fatte,...