La forza del perdono

La forza del perdono

Si racconta che una volta una donna si mise a chiedere a delle persone:
“Qual è secondo lei la cosa più importante nella vita?”. Le risposte che ottenne furono le solite, prevedibili: la salute, l’amore, per qualcuno il denaro… Ma quando pose la domanda ad un anziano, la risposta fu così semplice e spontanea che non richiese alcun commento: “Perdonare”. 

Per questa quaresima Papa Francesco ci invita non solo a “perdonare”, ma a lasciarci riconciliare con Dio. Ancor più, ci invita ad “accostarci a confessare i nostri peccati, a credere fermamente nella sua misericordia che ci libera dalla nostra colpa”.

Tornando alla risposta dell’anziano, ci si può chiedere:
perdonare cosa? Perdonare chi? E perdonare perché?

“Ebbi modo di vedere – raccontò l’intervistatrice – le foto della famiglia di questo signore. Mi colpì l’immagine di una bambina, che però non c’era più, era morta. Era un anziano che aveva perso tutta la sua famiglia, sterminata nell’Olocausto. Era rimasto solo al mondo”.

 

Chi legge questa storia torna a chiedersi: “Può un uomo perdonare?”

 

La risposta, anche se sembra illogica, è che quell’anziano “era capace di perdonare”. Non solo era capace, ma fu in grado di affermare che il perdono è il valore più importante.

È grazie alla vittoria del perdono che la vita continua. Questo è quello che Papa Francesco chiede nuovamente oggi: “lasciatevi perdonare”, “lasciatevi riconciliare con Dio”. 

Due cose concretamente chiede il Papa per questo tempo di Quaresima.

L’urgenza della conversione. Papa Francesco sottolinea l’importanza della preghiera nel tempo quaresimale, poiché contemplare “l’esperienza della misericordia” è possibile solo in tale pratica, “in un ‘faccia a faccia’ con il Signore crocifisso e risorto ‘che mi ha amato e ha dato se stesso per me’ (Gal 2,20)”, nel “dialogo da cuore a cuore, da amico ad amico”. Pregare, “più che un dovere, ci mostra la necessità di corrispondere all’amore di Dio, che sempre ci precede e ci sostiene”. Ciò che conta davvero agli occhi di Dio quando preghiamo “è che scavi dentro di noi, fino a toccare la durezza del nostro cuore, per convertirlo sempre più al Signore e alla sua volontà”.

La necessità di dialogare con Dio. Per il Papa, questa nuova opportunità di conversione dovrebbe risvegliare “un senso di riconoscenza e scuoterci dal nostro torpore” poiché, nonostante la presenza del male nella nostra realtà, “questo spazio offerto al cambiamento di rotta esprime la tenace volontà di Dio di non interrompere il dialogo di salvezza con noi”.

È possibile che quell’anziano abbia perdonato la tragedia che visse, ma mancava ancora un passo: fare spazio al perdono di Dio. “Lasciarsi riconciliare con Dio” è l’obiettivo di ogni cristiano.

 

Fonte: infoans

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi