Tutte le ore del mondo

Tutte le ore del mondo

“Tutte le ore del mondo”, un racconto che sa di futuro

Di Antonietta Nembri

Nelle immagini del fotografo Gerald Bruneau i momenti salienti della vita quotidiana di dodici famiglie, italiane e straniere, che vivono in un piccolo comune alle porte di Milano sede del progetto “Kiriku – A scuola di inclusione”.
Protagonisti delle fotografie i bambini, le loro famiglie e abitudini, dal risveglio all’ora della nanna nella mostra dedicata ai “Ritratti di accoglienza, relazione e cura nella Baranzate multietnica”.

 

Quartiere Gorizia di Baranzate, comune alle porte di Milano, qui vivono persone provenienti da tutto il mondo. Il 33% dei residenti è rappresentato da migranti e proprio in questo territorio è attivo un progetto rivolto ai bambini da 0 a 6 anni e ai loro genitori, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo nazionale per il contrasto alla povertà educativa minorile dal titolo “Kiriku – A scuola di inclusione”. E ai protagonisti di questo progetto e alla vita di un’intera comunità è dedicata una mostra fotografica ideata e curata da fondazione Bracco con l’Associazione La Rotonda.
Visitando la mostra “Tutte le ore del mondo – Ritratti di accoglienza, relazione e cura nella Baranzate multietnica”, infatti, si possono ammirare 26 fotografie di Gerald Bruneau che raccontano in un dialogo in parallelo le diverse ore della giornata, i momenti clou della vita dei bambini e delle loro famiglie, dodici nuclei familiari italiani e stranieri ripresi dal risveglio all’ora della nanna e poi in tutte le attività quotidiane dal gioco ai pasti, alle visite mediche.

Don Paolo Steffano, parroco di Sant’Arialdo (Baranzate) osserva che: «Alle 6 del mattino suona la sveglia in tante case del Quartiere Gorizia, il risveglio è lo stesso per tutti, eppure la sua declinazione sa di cultura, perché capace di disegnare contesti completamente diversi. Gli scenari in cui avvengono le azioni quotidiane sono spesso i medesimi: la casa, la scuola, la biblioteca, lo spazio mamma bambino, l’oratorio: i bambini, i genitori, i nonni sono diversi, ognuno di loro è portatore di un’unicità da valorizzare e scoprire. I luoghi senza relazioni non sono altro che scenari muti destinati a passare inosservati: le relazioni invece sono ciò che li anima e rende vivo il Quartiere. Gli spazi infatti possono essere allestiti e organizzati per favorire gli incontri. Anche le abitazioni, pur nella loro semplicità, fanno trasparire il desiderio di chi le abita di accogliere l’altro».

Il reportage di Bruneau – visitabile nella mostra, aperta fino al 30 giugno al Cdi (Centro Diagnostico Italiano) di via Saint Bon a Milano – conduce lo spettatore in un viaggio che senza spostarsi da Baranzate che tocca tutto il mondo: dall’Ecuador all’Italia, dal Marocco al Perù, dalla Romania al Salvador, dal Senegal alla Somalia e allo Sri Lanka. Colori, lingue, abitudini e costumi completamente diversi, uniti dalla voglia di mettere radici in un luogo globale attraverso i più piccoli e i loro legami.

Ogni azione della giornata è raccontata da una coppia di fotografie che unisce due famiglie di nazionalità differenti in un dialogo immaginario, da cui emerge il desiderio di conoscenza e inclusione. E si inizia con il risveglio, quello di Beatrice (3 anni), raccontata da suo padre Giorgio «qualche coccola e a volte con la musica» e quello della piccola Mamediarra (2 anni), nelle parole della mamma Mareme «La mia piccola è il sole di ogni mattina». E poi c’è la colazione  con la maca, una polvere che deriva da una pianta seccata che Claudia si fa portare da un conoscente peruviano. «Si scioglie nel latte e dà energia. Ha il colore della polvere di cacao, ma un gusto più forte….».

Ci sono i giochi in casa e la scuola che a Baranzate, ricorda il catalogo “grazie alle tante etnie che vivono nel territorio, diventa anche occasione di confronto quotidiano tra genitori e istituzione scolastica. Per una comunità educante, riuscire a parlare la stessa lingua è fondamentale, ma qui non è sempre possibile. Per questo le insegnanti, oltre alle loro competenze didattiche, devono dotarsi di grande intuito e fantasia per poter comunicare anche con i gesti e le espressioni. Le pareti delle aule raccontano le attività che le maestre propongono ai piccoli alunni per stimolarne la creatività e allargare i loro orizzonti”. Il fotografo Bruneau confida: «È stato emozionante, all’uscita dalla scuola, vedere bimbi di ogni colore correre tra le braccia delle madri sfiorando i loro abiti, tra la variopinta fierezza africana e la schiva compostezza musulmana»

C’è il pranzo, il gioco e la visita dal pediatra, ma anche la preghiera e la buona notte il tutto declinato in questo apparente giro del mondo senza spostarsi dalle porte di Milano.
«Da chimica non mi stancherò mai di stupirmi del potere delle reazioni, e del mistero di creare qualcosa di nuovo con ingredienti noti», afferma Diana Bracco, presidente di Fondazione Bracco. «I piccoli Kiriku, ritratti dal grande Bruneau, fanno proprio questo: attraverso linguaggi e gesti abituali, avvicinano ogni giorno i confini geografici senza per questo dimenticarli, potenziando una reazione che tocca grazie a loro anche i genitori, gli insegnanti, il mondo adulto, la comunità tutta» conclude Diana Bracco, raccontando l’impegno di Fondazione Bracco per i territori ai margini, di cui l’intervento a Baranzate, avviato nel 2016, costituisce una delle esperienze continuative.
La mostra offre l’opportunità di attraversare i confini attraverso i gesti che hanno come orizzonte un luogo in cui, sottolinea Gerald Bruneau «l’accoglienza non è più un’utopia, tutto si tinge di colori diversi». Per il fotografo: «È sempre una sfida testimoniare in immagini la vita in movimento e l’intimità delle persone. Grazie a questo progetto di mostra, ho potuto accostare empaticamente le vite di questi piccoli Kiriku e ho visto bambini immersi in un mondo multicolore vivere senza conflitti le diversità al loro interno, passando con naturalezza dalla dimensione multietnica a quella familiare, che custodisce nei gesti quotidiani identità e tradizioni».

Da parte sua don Paolo Steffano osserva come «In un quartiere di periferia come il nostro, la sfida quotidiana sta nell’allestire e nel far rivivere, attraverso progetti e azioni, spazi di socialità». Un luogo in cui il progetto Kiriku, continua il parroco «ha permesso a questo lavoro, iniziato quindici anni fa, di trovare nuovi luoghi da contaminare concentrando lo sguardo sulla primissima infanzia. Lo stile è il medesimo che contraddistingue il lavoro in quartiere: la relazione, lo scambio reciproco, la vicinanza spaziale, il sentirsi ascoltati fa nascere vere e proprie occasioni di cambiamento e ripartenza, interrompendo così il circolo vizioso della povertà educativa».

“Kiriku – a scuola di inclusione” è un progetto triennale partito nel 2018, rivolto ai bambini dagli 0 ai 6 anni e ai lori genitori, e promosso da una rete di partner pubblici e privati, tra cui: l’Associazione “La Rotonda, Fondazione Bracco, Centro Diagnostico Italiano (CDI), Comune di Baranzate, Istituto Comprensivo “Gianni Rodari” di Baranzate, Politecnico di Milano – Tiresia, Museo Poldi Pezzoli e Parrocchia “Sant’Arialdo” di Baranzate, con il sostegno dell’impresa sociale Con i Bambini. Le attività su cui i partner hanno scelto di agire sono: la salute, l’apprendimento e la cultura, l’autonomia e la partecipazione. Al momento sono stati coinvolti 371 bambini oltre ai loro genitori e insegnanti.

Andare a letto è un momento di gioia i bambini giocano tra loro fino all’ultimo nel lettone. La piccola Mamediarra si addormenta mentre le canto le canzoni del mio paese.

Mareme, Senegal

  

Fonte: Vita

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi