Domenica di Pasqua

Domenica di Pasqua

12 aprile 2020 – Anno A

 

Commento di Suor Laura Agostani, FMA

Dal Vangelo secondo Giovanni 20,1-9

 

Credo che questa Pasqua abbia per tutti un sapore particolare, ma sono anche certa che mai come quest’anno le letture possano esserci davvero di aiuto e consolazione.
Possiamo ritrovarci nello sguardo deluso di Maria di Magdala che ha perso l’amato del suo cuore, in quello di Pietro che si sente giustamente tradito nella sua idea di messia o in quello del discepolo amato che in coscienza sa che la morte non può essere l’ultima parola; qualsiasi sguardo ci abiti, non venga mai meno la certezza che ogni sofferenza, ogni pena, ogni dolore, ogni croce anche se durasse tutta la vita, è sempre “collocazione provvisoria” (mons. Tonino Bello).

 

Ritengo che tre parole emergano da questo brano giovanneo e possano esserci di aiuto e sprone.

 

BUIO: Maria di Magdala va al sepolcro quando era ancora buio; questo buio non rappresenta solamente la tenebra della notte, ma racchiude tutto il buio ed il vuoto che portiamo nel cuore: le nostre sconfitte, i nostri dolori, le nostre sofferenze.
Maria con questo gesto quasi ci suggerisce che se non portiamo sotto la croce tutto ciò che ci fa soffrire rischiamo di rimanerne schiacciati; Gesù accetta la croce e sale al Calvario per aiutarci a portare le nostre croci, per farci capire che non siamo soli a soffrire, che Dio non è un Padre assente: ci dona Suo Figlio per darci la certezza che non siamo soli nella sofferenza: Lui è accanto a noi! Dice padre Ermes Ronchi: “Dio non salva dalla sofferenza, ma nella sofferenza; non protegge dalla morte, ma nella morte; non libera dalla croce, ma nella croce”.

 

CORRERE: Maria corre da Pietro, i due discepoli corrono al sepolcro; i protagonisti di questo brano non stanno fermi, sono tutti in movimento, come se volessero farci intuire che la fede non è statica anche nella notte del dubbio.
La fede mette in moto; anche Pietro più anziano del discepolo amato corre, corre come può, come è capace, ma corre e attiva energie e potenzialità che non credeva neppure di avere.
Penso a questi giorni di clausura forzata e a quante modalità sono state messe in atto per raggiungere anche solo virtualmente chi avevamo a cuore. Questa è la creatività dell’Amore che contraddistingue chi non si lascia abbattere ed atrofizzare il cuore.
Proprio come incoraggia papa Francesco, che in una recentissima intervista rilasciata a un giornalista britannico dice: “la creatività del cristiano deve manifestarsi nell’aprire orizzonti nuovi, nell’aprire finestre, nell’aprire trascendenza verso Dio e verso gli uomini (…) una creatività semplice che tutti i giorni inventa qualcosa”.

 

VEDERE: Maria vede la pietra ribaltata; Pietro vede le bende; l’altro discepolo vede e crede.
Purtroppo, qui la traduzione ci fa perdere la sfumatura del testo greco che non usa lo stesso verbo per tutti e tre i protagonisti. Maria guarda (blépo); Pietro contempla (theoréo), l’altro discepolo sa andare oltre (orào); quasi a volerci dire che non basta essere stati testimoni del triduo per credere!

Non basta aver studiato, recitare le preghiere del buon cristiano o appartenere a una famiglia cattolica per avere fede: la fede è un dono! Diceva papa Benedetto nella splendida enciclica Deus Caritas est: “All’inizio dell’essere cristiano non c’è una decisione etica o una grande idea, bensì l’incontro con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva”.

Ognuno dei protagonisti del vangelo, proprio come noi, ha un cammino di fede diverso: Maria deve liberare il suo amore per Gesù dal bisogno del possesso incamminandosi verso un sentimento casto (= amore libero); Pietro deve convertire la sua idea di Messia; il discepolo amato – che non è mai chiamato per nome (saremo forse noi?) crede perché ha il cuore libero, crede perché è stato sotto la croce, crede perché è in compagnia di Maria, crede perché “semplicemente” accoglie l’Amore incondizionato di un Dio che per dimostracelo, per renderlo tangibile permette che Suo figlio venga ucciso e torturato. Ma non Lo ha abbandonato alla morte: come già richiamato all’inizio, don Tonino Bello ci ricorda che la sofferenza ha le ore contate, è a tempo determinato, da mezzogiorno alle tre, non oltre.

Poi irrompe la Luce della Pasqua che sconfigge le tenebre e vince la morte ricordandoci che siamo fatti per cielo, e che se anche il nostro corpo sarà corrotto risorgeremo per abitare insieme il Paradiso. E sarà gioia immensa che niente e nessuno potrà offuscare!

 

Buona Pasqua di cuore a tutti!

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi