L’educatore ai tempi del Coronavirus

L’educatore ai tempi del Coronavirus

Di Francesco Contenta

 

Ed eccoci qua, chi l’avrebbe mai detto che mi sarei messo a scrivere qualche riflessione su questo strano e delicato periodo.

Era il 23 febbraio quando tutto scoppiò, era domenica, ricordo con esattezza quel giorno perché in oratorio a Gallarate, nel pomeriggio, si doveva tenere la festa di carnevale tanto organizzata e preparata dai nostri animatori. E invece tutto annullato e da quel giorno tutto è mutato.

Sono passati solo 2 mesi, a me sembra invece un’eternità. Tutto è cambiato velocemente: tra misure drastiche e indicazioni date dal governo, le nostre vite non sono state più le stesse. Sono a casa, come la maggior parte delle persone, impiego le mie giornate tra varie attività, curiosità, informazioni, film e musica.

Ma la cosa che mi manca di più è il mio lavoro, oltre che la mia passione, l’essere educatore nella quotidianità con tutti, dai ragazzi ai genitori passando per i tanti volontari. Un lavoro non come tanti altri, se è cambiata la modalità per la maggior parte dei lavoratori attraverso lo smart working, il nostro operato non può essere fatto da casa, perché noi lavoriamo con e sulle persone.

Così San Giovanni Bosco: «L’educazione è cosa di cuore e Dio solo ne è il padrone». Il cuore per Don Bosco è il cuore biblico, il luogo in cui l’uomo decide l’orientamento da dare alla sua esistenza, fortifica la sua volontà e opera scelte concrete, la prima delle quali è l’opzione fondamentale della sua vita. In un momento così delicato, ecco che l’oratorio (purtroppo chiuso) rappresenta la casa dove il bambino e il ragazzo possono crescere sotto l’aspetto personale, psicologico, cattolico e cristiano.

Questi elementi per noi sono essenziali e necessari. Inoltre, la relazione educativa e il rapporto quotidiano si fondano su ideali e valori, come la carità, la dolcezza e l’amorevolezza, toccando il senso più profondo della persona umana. Questo permette un incremento nel saper fare, nel saper conoscere, nel saper condividere e nel saper essere. Con questo processo interiore, la persona attraverso l’educazione è capace di scelte responsabili e forti, come ad esempio accogliere l’altro, quindi vivere incontri di reciprocità, amando l’altro come fonte di arricchimento e dono su uno stesso livello.

Proprio come Don Bosco quando era lontano dai suoi ragazzi, mi mancano i sorrisi, gli sguardi, dare un consiglio, fare un gesto caritatevole, sentire le loro urla dentro il nostro oratorio, i momenti formativi di catechesi, i genitori che ti cercano per essere rincuorati sui figli/e, le catechiste che ti cercano e non vedono l’ora che arrivi per sistemare pc e proiettore per il catechismo.

È vero, la tecnologia in questi anni ha compiuto passi da gigante, possiamo connetterci da un paese all’altro, vedere parenti distanti chilometri, possiamo abbattere le barriere architettoniche per le persone che hanno delle difficoltà, la scuola è riuscita ad ampliare il suo operato mediante la didattica a distanza, possiamo fare videochiamate per riempire le nostre giornate e provare ad immaginare, ma tutto questo non è la realtà.

Concludo riprendendo una riflessione di un grande filosofo come Cartesio “penso dunque sono”, che per me può essere interpretato così: “Penso che la realtà sia più importante del virtuale e per essere, crescere ed apprendere servono proprio le persone”.

Non chiedo mica la luna. Voglio solo tornare alla realtà del mio ORATORIO!

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi