Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo

 

Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi!

Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro e nella malattia, nella carità e nella speranza, nel mostrare come si possa attraversare il Covid, cioè cosa sia la vita.

Oggi che tutto diventa più difficile e che la malattia torna a bussare alla porta di tutti e in tutto il mondo, abbiamo bisogno degli adulti. Dei genitori e dei nonni, dei preti e dei vescovi, dei politici e dei papi.

È necessario che ci sia chi dica quanto sia preziosa la vita e come affrontare la morte, come accettare la malattia e come sognare il futuro.

Siamo noi, gli adulti, a dover dare coraggio ai giovani impauriti. Servono persone che sanno prendere in mano le redini di questo tempo, sanno morire e sanno vivere.

Non lo debbono fare altri, tocca a noi, a tutti gli adulti e, in particolare, a chi ha responsabilità, come i vescovi, i genitori, i preti, i docenti, i giornalisti, gli uomini di cultura e i politici.

Non vi sono altri, tocca a noi, gli adulti.

Quindi coraggio e ognuno al suo posto. Qualcuno si ammalerà, qualcuno cadrà, ma il testimone ora è nelle nostre mani e tutti testimonieremo della speranza che ci anima e della certezza che la vita è nelle mani di Dio e che la nostra riscoperta debolezza non ci spaventa e non ci distrugge.

Perché noi sappiamo cosa è vivere e cosa è morire, cosa è sperare e cosa è risorgere.

Altre generazioni hanno affrontato i campi di battaglia o la peste. A noi è toccato il Covid e non è il caso di lamentarsi troppo. Ognuno al suo posto e avanti.

Io non amo i disertori. Nessuno di noi li ama.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi