L’opera insostituibile dei missionari

Di Marco Dotti

 

Desta ancora incredulità e sgomento la morte di Nadia De Munari, la missionaria laica uccisa in Perù a colpi di machete. L’agguato in Sud Sudan a Christian Carlassare, il più giovane vescovo al mondo (ha solo 43 anni ed è stato nominato da Papa Francesco il’8 marzo scorso) aggredito da un gruppo armato, ma ora fuori pericolo, ha acuito la tensione.

Un dato rilevante: sia Nadia De Munari che il Vescovo Cristian Carlassare sono di Schio, provincia di Vicenza. Il Veneto è infatti da sempre ricco di vocazioni missionarie, presenti in tutti gli angoli del pianeta.

Il numero dei missionari laici, che operano nel mondo è oggi pari a 376.188, con un aumento di 20.388 unità rispetto al 2019, così ripartito: Europa (+128), America (+8.129), Asia (+12.433), diminuiscono in Oceania (-12) e in Africa (-290). Sono tanti, anche se ancora non quantificati, i tentativi di aggressione nei loro confronti e nei confronti di religiosi e religiose che hanno scelto di praticare la via della missione.

Spiega don Dante Carrato del Cuamm che quello missionario è un «impegno costante e quotidiano della Chiesa, dei missionari e dei nostri medici». Un impegno a «costruire dialogo e condivisione. Un lavoro che viene poco raccontato, ma che getta semi di pace e di speranza». Come nel caso del Vescovo Carlassare e di Nadia De Munari.

Nel 2020, secondo l’agenzia Fides, a perdere la vita sono stati 20. Tra di loro, otto sacerdoti e sei laici. Il numero più elevato di aggressioni mortali si registra in America latina, dove sono stati uccisi cinque sacerdoti e tre laici. Seguono l’Africa, dove sono stati uccisi un sacerdote, tre religiose, un seminarista e due laici; l’Asia sono stati uccisi un sacerdote, un seminarista e un laico.

In vent’anni, dal 2000 al 2020, sono stati uccisi nel mondo 535 operatori pastorali, di cui cinque vescoviMolti operatori pastorali sono stati uccisi durante tentativi di furto o rapina oppure sono stati vittime di sequestro o si sono ritrovati coinvolti in sparatorie nei contesti in cui operavano. Contesti, anche in conseguenza della pandemia, sempre più contraddistinti da povertà economica e degrado.

«Nessuno di loro», spiegano ancora da Fides, «ha compiuto imprese o azioni eclatanti, ma ha semplicemente condiviso la stessa vita quotidiana della maggior parte della popolazione, portando la sua testimonianza evangelica come segno di speranza cristiana».

Come testimonia padre Carlassare: «Se li perdono? Certamente. E lo faccio con tutto il cuore». Dal suo letto d’ospedale a Nairobi, in Kenia, dove è stato operato di nuovo per ripulire le ferite dalle schegge di proiettile, padre Christian Carlassare racconta di non voler condannare i sicari che in Sud Sudan lo hanno ferito alle gambe a colpi di kalashnikov dopo averlo aggredito nella propria abitazione: «Lo faccio perché sono giovani e certamente non hanno agito per una ragione contro di me. Sospetto che qualcuno gli abbia commissionato questo gesto».

Christian Carlassare continua: «Dunque, mi sento di perdonare, come perdono chi li ha spinti a comportarsi così. E lo faccio a nome di tutta la gente di Rumbek che, quando sono stato colpito, era fuori dall’ospedale cittadino e dall’aeroporto, dicendomi: padre non abbandonarci, padre ritorna. Non volevano lasciarmi partire per non perdere il loro vescovo«. Poi aggiunge, con voce serena, senza un minimo di risentimento, che ciò che lui offre «è un perdono che chiede unità, ascolto e capacità di risolvere i problemi cercando il bene di tutti».

 

Fonte: Vita

 

Grati nella speranza

Pubblichiamo uno stralcio della lettera che la Vicaria dell’Ispettrice ha inviato alle Comunità Educanti, nella quale annuncia la data e il tema della prossima Festa del Grazie ispettoriale.   Alle Direttrici e alle Comunità Educanti ILO Carissimi, con gioia...

5^ Domenica di Pasqua

5^ Domenica di Pasqua 2 maggio 2021 Vangelo di Giovanni 17.1b-11 Commento di suor Graziella Curti, FMA   È il momento dell’addio. È l’ora di varcare la soglia tra il tempo e l’eternità. Anche Gesù, come tutti quelli che stanno per andarsene da questo mondo, è...

5^ Domenica di Pasqua

5^ Domenica di Pasqua 2 maggio 2021 Vangelo di Giovanni 15,1-8 Commento di suor Patrizia Colombo, FMA   “Senza di me non potete far nulla”. (v5) Appena letto questo brano di Vangelo, subito il mio pensiero si è fermato su questo versetto: “Senza di me non potete...

Torino. Fabbrica di sorprese

Di Davide Perillo   Alla Piazza dei Mestieri si insegna a “stare sul lavoro”, anche a ragazzi con storie difficili. Il Covid ha costretto a rivedere tutto, fino a fare lezione su WhatsApp. Ma senza rinunciare al desiderio che «nessuno si perda». È scoppiata a...

La Dad che fa bene alla scuola

Uscito il libro di Tonino Stornaiuolo, il maestro che durante il lockdown si è inventato la Dab – la didattica ai balconi. Nel volume edito da edizioni meridiana racconta del tentativo, insieme ai suoi bambini di abbattere i muri virtuali della rete e quelli...

Dialogo e amicizia sociale

di Valentina Porro, Castellanza     Il capitolo sesto dell’enciclica “Fratelli tutti” ha come argomento cardine il dialogo. Papa Francesco declina questo tema nelle sfaccettature del mondo di oggi: inizia a parlare del ruolo dei media, per poi toccare il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi