Raccontarsi con un rap

“Nati sotto i palazzi, noi picciotti che puntiamo a riscattarci, tutto sembra più grande di te, tu diventa più grande di tutti”. Questo uno dei versi di “Così”, il brano rap realizzato dalle ragazze e dai ragazzi di Borgo Vecchio, a Palermo, che racconta com’è vivere il quartiere, lo stereotipo a cui è legato e ciò che provano ogni giorno.

 

Un videoclip frutto del laboratorio di rap e scrittura creativa realizzato a Palermo all’interno del programma REACT (Reti per educare gli adolescenti attraverso la comunità e il territorio) – progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile – da WeWorld, organizzazione impegnata a garantire i diritti di donne, bambini e bambine in 27 Paesi del mondo, compresa l’Italia, e da Per Esempio Onlus, partner locale del programma attivo a livello nazionale.

Con i ragazzi e le ragazze del quartiere anche gli operatori del centro, Christian “Picciotto” Paterniti e Ferdinando Brunetti. Un percorso che, partendo dalla fase di scrittura fino a quello della registrazione del brano e della realizzazione del videoclip, ha reso il gruppo protagonista di un processo creativo e della costruzione di un immaginario di cui oggi possiamo vedere il bellissimo risultato ripreso e montato grazie alla regia del giovane collettivo di videomaker Round Visuals.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Grazie alla disponibilità di Roy Paci, che ci ha accolto nel Vitaphone Studio, all’interno della factory di Etnagigante, sua etichetta indipendente, le voci dei ragazzi sono diventate espressione di riscatto e determinazione, trasformando semplici pensieri in una vera canzone”, dice Christian Paterniti. “Inoltre, questa attività si è fusa con un altro percorso laboratoriale, quello di Urban Dance curato da Martina Di Liberto, che ha prodotto una coreografia ad hoc per la canzone e ha permesso di rafforzare l’idea del fare bene insieme”.

Lavoriamo da sempre per combattere gli stereotipi, di genere e non solo. Con questa canzone i ragazzi e le ragazze ci raccontano come vivono quelli legati al quartiere di Palermo che, seppur in pieno centro, resta sempre ai margini della città. Quasi dimenticato – dichiara Valerio Pedroni, responsabile Programmi Italia di WeWorld – L’approccio cooperativo utilizzato durante i laboratori, la musica e il suo linguaggio universale hanno permesso ai giovani di esprimere le proprie emozioni, utilizzare i loro talenti e raccontarci, in versi, il loro sguardo sulla città”.

Le attività del programma REACT a Palermo, hanno consentito negli ultimi tre anni lo sviluppo sul territorio di Borgo Vecchio di una “rete di comunità”, nonché la realizzazione di attività educative e di supporto dedicate ai ragazzi, alle ragazze e alle famiglie del quartiere.

 

 

Fonte: vita

 

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi