“L’anno prossimo a Gerusalemme”

Hashana haba’a b’Yrushalayim (השנה הבאה בירושלים), ovvero “L’anno prossimo a Gerusalemme”, è la promessa che ci si scambia durante la Pasqua ebraica.

È la promessa di ritrovarsi “a casa”, di poter tornare là dove tutto è nato, dove sono le radici, dove Dio si è manifestato al suo popolo, dove la promessa ha preso carne.
Siamo ad un anno dalle celebrazioni del 150° di nascita del nostro Istituto!
A Mornese, con quel gruppo di giovani donne che hanno creduto alla promessa di Dio giunta a loro attraverso l’intuizione di don Bosco, tutto è nato.

Per noi Figlie di Maria Ausiliatrice Mornese è un po’ la terra santa del carisma che ci è stato affidato, è un po’ la “nostra” Gerusalemme. E allora: che bello poterci augurare “L’anno prossimo a Mornese”!

È importante pensare che quello che inizia sia un anno intenso di riscoperta della promessa che Dio ha fatto a ciascuna di noi e, attraverso di noi, la promessa che Dio ha fatto e continua a rinnovare ai tanti suoi figli più giovani!

“L’anno prossimo a Gerusalemme” è l’augurio pasquale del popolo d’Israele, è tornare alla patria del cuore, è il desiderio di incarnare ancora quella freschezza della fedeltà di Dio.
E anche se poi magari, concretamente, i passi non attraverseranno la porta della Città Santa, che importa? La memoria del cuore non ha ostacoli né confini nel cammino!

Così anche per noi, FMA: questo 5 agosto sia per ognuna l’inizio di un anno che ci riporta alla freschezza del nostro primo sì, che ci ricorda le ragioni profonde che ci hanno preparato al “nostro” 5 agosto, alla nostra “nascita” nell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice!

Cosa sarà stato l’anno che separava Main e le sue compagne dalla prima professione religiosa, dal rendere pubblico e ufficiale la propria consacrazione totale a Dio per i suoi figli?

“L’anno prossimo a… Mornese”! E’ il mio augurio di cuore, in questo tempo che vede tante di noi andare in “esodo” dalle nostre terre, dalle nostre comunità, verso terre nuove, verso nuove comunità da amare, verso altri “popoli” di giovani e di adulti con cui fare un tratto di cammino.

C’è una terra che è per tutte noi patria, che è casa, che ci ricorda i motivi importanti del nostro andare, che ci dice un “perché”, un “per chi” e un “come”, che ci accomuna e ci attende!

Che sia un anno di “vita mornesina” incarnata lì dove Dio ci pone, dove le sue promesse si realizzano, dove Lui resta fedele!

E l’anno prossimo, un anno che nel calendario degli uomini sarà tra 365 giorni, ma che nel calendario di Dio è già ogni giorno, ci troveremo insieme a Mornese!

Buona festa a tutte e a tutti!

Sr Maria Teresa Cocco

 

Abbi il coraggio di conoscere

Rita Levi Montalcini, BUR –Scienza- 2005   “Un grande avvenire dietro le spalle”: quando ripenso a questo libro ricevuto in dono per Natale da una cara amica tanti anni fa, per prima cosa mi viene in mente questa celebre frase di Vittorio Gassman, tanto...

Sulle spalle di due giganti

don Angel Fernandez Artime   La spiritualità salesiana è forte e regge l’urto del tempo perché saldamente connessa a due figure uniche nella storia provvidenziale della Chiesa: san Francesco di Sales e san Giovanni Bosco.   Vi auguro un felice anno nuovo,...

Andate in rete

TESTIMONIATE IL VANGELO CON LA VOSTRA VITA. Andate in rete di Marco Pappalardo – Lorenzo Galliani – Alfredo Petralia   I new media sono una risorsa per la crescita, la formazione, la pastorale, l’insegnamento, la catechesi perché si possono trasferire le...

Senza calze per scaldare i figli

Di Annalisa Teggi   Ha camminato a piedi scalzi perché i suoi figli potessero usare le sue calze come guanti. Era una famiglia in fuga dall'Afghanistan. I figli sono stati soccorsi, ma la madre è morta.   Il nostro presepe vivo - un'altra strada Per un’altra...

Buon Natale 2021

Figli amati e chiamati  «Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio» (Is 9,5)   «Sei Tu, Gesù, il Figlio che mi rende figlio. Abbracciando Te, Bambino della mangiatoia, riabbraccio la mia vita. Accogliendo Te, Pane di vita, anch’io voglio donare la mia vita....

Dal carcere alla società grazie al teatro

Di Luca Cereda La storia di Ibrahima Kandji che è uscito dal carcere grazie al progetto teatrale “Per Aspera ad Astra”, sostenuto economicamente da 11 Fondazioni di origine bancaria   «Parlavo pochissimo l’italiano, ma grazie all’esperienza teatrale in carcere ho...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi