Adolescenti violenti

Di Davide Giancristofaro Alberti

 

Sta facendo discutere e non poco, il cosiddetto “caso Varese”, tredicenni bulli, compresi anche ragazze, che stanno compiendo una serie di azioni criminali, e i loro genitori che di fatto li difendono.

A puntare i riflettori sulla vicenda è il Corriere della Sera, che ricorda come non si tratti di una “pianificazione e la strategia operativa da banda, ma estemporanee azioni da predatori di strada; non l’obiettivo prefissato di un dichiarato bottino quali scarpe oppure giubbotti di marca, ma il depredare quel che capita”. Del gruppo fanno parte anche 12-13enni, non imputabili quindi (e loro ben lo sanno), provenienti da famiglie di vario tipo, e sia italiani quanto stranieri, per lo meno, marocchini ed egiziani nati e cresciuti nel nostro Paese.

Una zona, quella di Varese, ed in particolare fra Saronno e Gallarate, che negli ultimi mesi è stata teatro di varie risse fra giovanissimi, azioni che sono proseguite anche dopo la fine dei lockdown causati dal covid.

“Il materiale che abbiamo esaminato – scrive il quotidiani di via Solferino – fa emergere rapine improvvisate: per esempio un gruppo composto da una decina di unità transita in un giardinetto, così come a bordo di un treno delle Nord e all’esterno di una scuola, incrocia un coetaneo, lo assale”. Il tutto ha quindi una tempistica istantanea, in base ai luoghi e alle circostanze.

 

IL CASO VARESE, FRA BABY RISSE, FURTI E I GENITORI ASSENTI

Dalle carte emerge inoltre come le vittime vengano di fatto perseguitate dopo la rapina: “E’ avvenuto che le vittime venissero inseguite, con la costante minaccia alle spalle di starsene zitti e di nulla dire a casa”.

E come detto sopra, c’è poi da fare i conti con le reazioni dei genitori, che una volta avvisati dell’azione criminale compiuta dal figlio, e invitati a recarsi in commissariato, contemplano “gran fastidio per esser stati disturbati; oppure, in una frequenta tecnica di neutralizzazione di un comportamento deviante, se la prendono con le forze dell’ordine colpevoli, a loro dire, di aver esagerato, di aver preso di mira dei bravi educati ragazzini”.

Eppure il caso è serio, gli episodi sono molti, e secondo gli inquirenti e gli addetti ai lavori, urge un profilo di rieducazione, vista l’assenza di auto-disciplina e auto-controllo, e soprattutto la quasi totale assenza di figure educazionali di riferimento.

 

Fonte: ilsussidiario

 

Ferite a morte

Serena Dandini, FERITE A MORTE, Rizzoli 2013 E se le vittime potessero parlare? Serena Dandini, da sempre dalla parte delle donne, in questo libro uscito in prima edizione nel 2013, vuole mettersi dalla parte delle vittime di femminicidio facendo loro raccontare la...

Calendari d’Avvento… cristiani

Quattro semplici idee in stile Corxiii per un calendario alternativo, a basso costo e ad altissimo beneficio per la tua fede, le tue relazioni e la tua capacità di donare e accogliere il Dono.   Di Sara Manzardo   C'è un qualcosa di magico quando si parla di...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #3

Il terzo dei dieci articoli mensili elaborati dal Consigliere Generale per la Comunicazione Sociale, don Gildasio Mendes, sul tema “Don Bosco e la realtà digitale e virtuale”, affronta un aspetto peculiare della comunicazione del Santo dei Giovani, e cioè come egli...

I vincitori del DBGYFF

Il 18 e 19 novembre, in 270 luoghi di 50 Paesi del mondo, si sono svolte le proiezioni dei 110 corti selezionati tra quelli in gara al DBGYFF e gli spettacoli celebrativi. Venerdì 19 novembre, invece, si è tenuto a Valdocco l’evento finale, durante il quale sono stati...

L’indicibile tenerezza

In cammino con Simone Weil Eugenio Borgna. ED. Feltrinelli   Si tratta di un libro impegnativo che esce dall’esperienza profonda di condivisione da parte dell’autore con Simon Weil, questa giovane donna che ha attraversato un’epoca di guerre e totalitarismi armata...

152^ Spedizione missionaria

Un gesto antico e sempre nuovo si è ripetuto domenica 21 novembre, presso la Basilica di Maria Ausiliatrice di Torino: quello della consegna del crocifisso missionario ai partenti della 152^ Spedizione Missionaria Salesiana.   “Come cristiani, tutti noi siamo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi