Adolescenti violenti

Di Davide Giancristofaro Alberti

 

Sta facendo discutere e non poco, il cosiddetto “caso Varese”, tredicenni bulli, compresi anche ragazze, che stanno compiendo una serie di azioni criminali, e i loro genitori che di fatto li difendono.

A puntare i riflettori sulla vicenda è il Corriere della Sera, che ricorda come non si tratti di una “pianificazione e la strategia operativa da banda, ma estemporanee azioni da predatori di strada; non l’obiettivo prefissato di un dichiarato bottino quali scarpe oppure giubbotti di marca, ma il depredare quel che capita”. Del gruppo fanno parte anche 12-13enni, non imputabili quindi (e loro ben lo sanno), provenienti da famiglie di vario tipo, e sia italiani quanto stranieri, per lo meno, marocchini ed egiziani nati e cresciuti nel nostro Paese.

Una zona, quella di Varese, ed in particolare fra Saronno e Gallarate, che negli ultimi mesi è stata teatro di varie risse fra giovanissimi, azioni che sono proseguite anche dopo la fine dei lockdown causati dal covid.

“Il materiale che abbiamo esaminato – scrive il quotidiani di via Solferino – fa emergere rapine improvvisate: per esempio un gruppo composto da una decina di unità transita in un giardinetto, così come a bordo di un treno delle Nord e all’esterno di una scuola, incrocia un coetaneo, lo assale”. Il tutto ha quindi una tempistica istantanea, in base ai luoghi e alle circostanze.

 

IL CASO VARESE, FRA BABY RISSE, FURTI E I GENITORI ASSENTI

Dalle carte emerge inoltre come le vittime vengano di fatto perseguitate dopo la rapina: “E’ avvenuto che le vittime venissero inseguite, con la costante minaccia alle spalle di starsene zitti e di nulla dire a casa”.

E come detto sopra, c’è poi da fare i conti con le reazioni dei genitori, che una volta avvisati dell’azione criminale compiuta dal figlio, e invitati a recarsi in commissariato, contemplano “gran fastidio per esser stati disturbati; oppure, in una frequenta tecnica di neutralizzazione di un comportamento deviante, se la prendono con le forze dell’ordine colpevoli, a loro dire, di aver esagerato, di aver preso di mira dei bravi educati ragazzini”.

Eppure il caso è serio, gli episodi sono molti, e secondo gli inquirenti e gli addetti ai lavori, urge un profilo di rieducazione, vista l’assenza di auto-disciplina e auto-controllo, e soprattutto la quasi totale assenza di figure educazionali di riferimento.

 

Fonte: ilsussidiario

 

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi