Innovazioni sartoriali

di Emiliano Moccia

 

Dare una seconda opportunità alle persone e ai tessuti. Concedere una seconda chance di vita a chi rischia l’emarginazione, per far sì che l’economia dello scarto possa diventare economia di lavoro, di inclusione, di rispetto dell’ambiente. È il senso di “Innovazioni Sartoriali”, il progetto presentato da Fondazione Territorio Italia, che in occasione della Giornata mondiale della Creatività e dell’Innovazione assume maggiore rilevanza perché coniuga l’innovazione dell’industria creativa con lo sviluppo sociale e del cosiddetto “green jobs, dedicando particolare attenzione alla formazione femminile.

Alle donne che provengono da situazioni di fragilità: donne vittime di tratta, di violenza fisica, psicologica ed economica. Sono state loro, infatti, le protagoniste dei corsi e dei laboratori che – sotto il coordinamento di Luciana Delle Donne, Fondatrice di Made in Carcere, e in collaborazione con Industrie Tessili di Prato e con Green Heroes la rete di eccellenze del Made in Italy fondata da Kyoto Club – hanno trasformato tessuti non più utilizzabili in produzioni ad alto valore etico e rinnovabile da oggi in commercio.

 

«I tessuti hanno un valore simbolico. Tessuti sociali e tessuti di umanità. Il maneggiare scarti di fibre e tessuti da riassemblare, ricucire, reinventare è come avere a che fare anche con sé. Ricomporre e ricreare dentro di sé rinnovati tessuti immateriali della vita quotidiana per rinascere anche dalle macerie-scarti».

Daniela Ducato è la presidentessa di Fondazione Territorio Italia, la realtà nata nel 2020 per affermare, attraverso azioni e progetti sostenuti, una visione del lavoro fondata sui pilastri della parità di genere e dell’innovazione, all’insegna della sostenibilità e salvaguardia dell’ambiente. “Innovazioni Sartoriali” viaggia in questa direzione. Perché dagli scarti tessili fatti con polimeri della plastica, derivanti dai tagli di tessuti e pelli con il sistema CAD per il settore dei rivestimenti (auto, nautica, camper, treni) il cui smaltimento sarebbe oneroso e complesso, si realizzano adesso una serie di prodotti: packaging per privati e aziende; imballaggi antiurto per il settore di conservazione degli alimenti in contenitori di vetro (bottiglie, conserve, marmellate); articoli per la pet care come materassini e sotto-ciotola igienici antiscivolamento e tanto altro. «Il consumo di tessili dell’Unione Europa» dice Ducato «ha, in media, il quarto maggiore impatto sull’ambiente e sui cambiamenti climatici, dopo cibo, alloggio e mobilità. È anche la terza area di consumo per consumo di acqua e suolo e la quinta per uso di materie prime primarie ed emissioni di gas serra».

 

Il progetto, però, ha anche altri obiettivi da raggiungere. Perché con i biotessili isolanti termici rinnovabili e compostabili realizzati con scarti di canapa e sughero, l’iniziativa permetterà di produrre ante per mobili al posto di legno plastica con un risparmio del 99% di materie prime, tappeti isolanti termici, tappetini yoga, che diventeranno serbatoi di CO2. «Tutti prodotti antimicrobici disinquinanti e purificanti dell’aria, resistenti oltre 50 anni che a fine ciclo vita diventano terra fertile». Senza dimenticare, l’impatto sociale che il percorso sta avendo sulle donne con fragilità coinvolte, che stanno acquisendo competenze e professionalità da poter poi spendere nel mercato del lavoro e, soprattutto, una maggiore consapevolezza di sé stesse e del loro valore che i vari cortocircuiti della vita non hanno ancora permesso di esprimere. «Ricomporre e ricreare dentro di sé rinnovati tessuti immateriali della vita quotidiana per rinascere anche dalle macerie-scarti. Si imparano competenze che il mercato richiede allenando la creatività e riconoscendo il proprio valore» evidenzia Ducato.

 

La Giornata mondiale della Creatività e dell’Innovazione è stata dichiarata dalle Nazioni Unite nel 2017 e si celebra ogni anno sei giorni dopo la nascita di Leonardo Da Vinci e un giorno prima della Giornata Internazionale della Madre Terra (22 aprile). In questo filone si inserisce il progetto che prova a ricucire le storie delle donne che vivono in fragilità ed i tessuti ormai scartati. «Le beneficiarie coinvolte sono donne vittime di violenza economica, fisica, psicologica e le donne vittime di tratta, perlopiù donne che si trovano all’interno di case protette e casa famiglia o tramite la Caritas» conclude Ducato.

«Il trasferimento dei saperi segue la metodologia della moltiplicazione diffusiva, attraverso delle formatrici esperte individuate da Luciana delle Donne distribuite in diversi luoghi d’Italia. Le competenze acquisite dalle donne sono richieste dal mercato sempre più attento e indirizzato a prodotti sostenibili».

 

La sfida è lanciata. Tessuti non rinnovabili e non riciclabili, formazione, modello d’impresa al servizio di un progetto che punta al riscatto culturale e sociale, e a generare nuove opportunità lavorative secondo la filosofia dell’economia verde.

 

Fonte: Vita

 

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi