Libano: il miracolo di Nabil

Il 4 agosto doveva essere il giorno più bello della vita del giovane Jad perché nell’ospedale di San Giorgio sua moglie Christelle stava dando alla luce il loro primo figlio, Nabil.

 

La sua felicità però dura solo 15 minuti. Alle 18:07, infatti, 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio esplodono nell’hangar 13 del vicino porto di Beirut causando oltre 200 morti e più di 6.500 feriti. «La forza dell’esplosione manda per aria tutto ciò che si trova nella stanza e penso sia scoppiata la guerra. Il mio primo pensiero va a mia moglie e al bambino e, guardando la culla, ringrazio Dio per il miracolo. Nabil è incolume anche se la culla è piena delle schegge di vetro della finestra sovrastante che, come lame, si sono infilzate nella copertina, bucandola. Ma a Nabil non è accaduto nulla, assolutamente nulla».

Jad, pieno di stupore, solleva tra le braccia il figlio illeso. Lo stesso stupore che dovette sentire Giuseppe nella stalla di Betlemme, circa 300 chilometri a sud di Beirut, quando prese tra le braccia il bambino appena nato. Anche allora, duemila anni fa, Dio protesse Gesù. Ma l’ospedale ortodosso di San Giorgio, il più antico e uno dei tre più grandi ospedali del Paese, è andato completamente distrutto e Christelle e Nabil sono stati trasferiti a 80 chilometri di distanza.

Sono stati momenti difficili e gravosi per il giovane padre così come lo furono per Giuseppe quando, la notte in cui gli apparve l’Angelo in sogno, “prese con sé il bambino e sua madre e fuggì in Egitto” (cfr. Mt 2,14). «L’esplosione ha cambiato la mia vita – racconta Jad – e nonostante tutte le difficoltà del passato, ho sempre contribuito a edificare questo Paese che amo. Ma per restare c’è bisogno di sicurezza e della consapevolezza che qualcuno si prenda cura di noi cristiani. Ci sentiamo soli e abbandonati».

La terribile esplosione ha devastato la città e 300.000 persone sono state coinvolte direttamente, per lo più cristiani, perché essa ha principalmente colpito i loro quartieri. Molti non hanno dove rifugiarsi e si chiedono come potranno sopravvivere all’inverno. La crisi sociale, economica e politica ha fatto precipitare il Libano nel baratro della povertà. Eppure, Jad è grato per il miracolo avvenuto in ospedale: «Non faccio altro che ripetere al bambino: sei vivo perché Cristo ti ha salvato. Tua madre e io siamo stati feriti, tu non hai avuto nemmeno un graffio. Non lo dimenticare mai. Gesù era con te in quel momento. Non avere paura, sarà sempre con te».

Al Bambino di Betlemme i Re Magi portarono oro, incenso e mirra. Cosa desidera Jad per il suo bambino? «Pace, sicurezza e la forza di portare la Croce di Cristo. Perché essere vicini a Cristo significa prendere sulle proprie spalle la Sua Croce. Mio figlio lo sta sperimentando dal suo quindicesimo minuto di vita, noi cristiani del Libano lo sappiamo bene. Siamo sopravvissuti a guerre e persecuzione. Viviamo perché dobbiamo realizzare una missione: essere testimoni di Cristo».

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) non è indifferente alla loro richiesta di aiuto e desidera sostenerli spiritualmente e materialmente.

 

Fonte: acs-italia

Buon Natale 2020!

Nulla di romantico: costretti a mettersi in viaggio quando Maria avrebbe bisogno di riposo; locande piene quando ci sarebbe bisogno di un posto caldo ed accogliente dove accogliere il Bambino; notte, freddo, grotta per un evento degno del luogo migliore del mondo per...

Proposte “non” parrocchiali

Di don Andrea Lonardo   Tanti dichiarano che la parrocchia è finita e poi cosa fanno? Continuano a proporre ricette sulla parrocchia e sull’Iniziazione cristiana. Tanti pastoralisti continuano a ripetere lo slogan che la “civiltà parrocchiale” è finita e poi...

Scuola. Salvare il rientro

Cresce il desiderio di studenti e famiglie di tornare alla didattica in presenza. I nodi da sciogliere sono noti. Ma servono criteri adeguati e non centralistici Di Ezio Delfino   Il desiderio degli studenti e l’attesa delle famiglie di tornare a un regolare...

La parte migliore

Di Annalisa Teggi   È morta sabato 12 dicembre, dopo essere stata investita nel tardo pomeriggio: Suor Maria Assunta Porcu era in bicicletta e stava portando un pasto caldo a un senzatetto la cui storia si era presa a cuore. In periferia a Milano Aveva 63 anni e...

Un Arcivescovo “dal basso”

Don Mimmo Battaglia nuovo arcivescovo di Napoli Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli (Italia) del cardinale Crescenzio Sepe. Il nuovo Arcivescovo Metropolita di Napoli è Mons. Domenico Battaglia. Don...

“Fano” e il poster della Strenna 2021

Il celebre disegnatore spagnolo Patxi Velasco Fano – in arte, semplicemente “Fano” – già autore del poster della Strenna del Rettor Maggiore per il 2018, è da anni legato da vincoli di stima e amicizia alla Famiglia Salesiana. Saputo che il motto della Strenna per il...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi