La musica come ricerca esistenziale

di Massimo Iiritano*

 

«Niente può consolare della morte, e la morte non può consolare di niente». Così di esprimeva con il suo linguaggio aspro e “terribile”, ma a tratti anche soave e scanzonato, Manlio Sgalambro, il filosofo che fu più caro e prossimo a Franco Battiato, nell’ultima decisiva fase del suo “pensiero” e della sua opera”.

Pensiero e opere. Di questo infatti si tratta, se vogliamo concedere le giuste parole ad un autore che ha fatto della canzone e della ricerca musicale il senso della sua stessa ricerca esistenziale e delle tracce profonde che ha saputo lasciare in generazioni così diverse e distanti tra loro. Fino alle ultime, ai teenagers di oggi, che in tanti piangono, letteralmente, oggi, la sua morte.

«Niente può consolare della morte, e la morte non può consolare di niente»: con queste parole di verità lo avrebbe paradossalmente “consolato”, forse, oggi, il suo caro amico Manlio Sgalambro. E Sergio Quinzio, che in una dolce e consolante serata siciliana, nella sua cara Catania, li aveva incontrati insieme, ricordava con piacere quelle ore passate a discutere di Dio, di morte e di consolazione.

E sì, perché la ricerca musicale di Battiato è stata sempre, sin dalle origini, una ricerca filosofica e teologica, che ha saputo darci il senso e il sapore di un’esistenza vissuta, fino a farsi un tutt’uno con le nostre di esistenze, tracciate e segnate nel profondo da quelle canzoni. Parole e suoni che hanno ritmato la nostra “educazione sentimentale” e di pensiero, che hanno scandito il ritmo delle nostre appassionate discussioni teologiche e filosofiche, e che difficilmente ci lasceranno. Della teologia Battiato aveva il “gusto”, sapeva avvertire e comunicare il sapore e il suono. E poco importa se per far ciò non avrebbe mai potuto farne un “trattato”. Anzi, molto importa in effetti, perché è qui il suo genio, la sua originalità.

Una via aspra, dalla quale non sempre e non facilmente si giunge alle stelle. Una via fatta di tanti percorsi che si intrecciano, si sovrappongono, in una direzione mai lineare, che nessuno potrà mai semplificare in parole e concetti che possano fare a meno di quello che era e resta il loro terreno: la musica, appunto. Linguaggio dell’anima, come già Platone ci aveva insegnato, come i tanti mistici d’oriente e d’occidente insegnarono a Battiato, che pure seppe restare comunque radicato nella sua carnale e “terragna” Sicilia. Terra dell’anima, dimensione metafisica e musicale del suo e del nostro esistere, ma al tempo stesso fatta di suoni, colori, luce abbagliante, asperità adorabili, colori brucianti di infinito.

 

*Massimo Iiritano è docente di filosofia in un istituto superiore e presidente dell’associazione Amica Sofia

 

Fonte: vita

Lettera di un cuore grato

«Quasi per caso, mi sono imbattuto in una busta con dentro una lettera che mi è stata consegnata da una giovane donna quando ho visitato l’opera salesiana della città di Americana in Brasile, nell'ispettoria salesiana di San Paolo» È con piacere che mi incontro con...

Siamo nati e non moriremo mai più

di Rosangela Carù   Storia di Chiara Corbella Petrillo Mi è stato proposto di leggere questo libro per la nuova recensione, presentandomelo come un testo molto forte. In effetti la vicenda narrata “stupisce e allo stesso tempo, terrorizza, affascina.” Non puoi...

Per finire l’anno scolastico in bellezza

Di Marco Pappalardo   Giunti quasi alla fine dell’anno scolastico, se siamo stati dei docenti “formiche” e abbiamo messo per tempo da parte le necessarie verifiche, possiamo permetterci di affrontare autori, temi ed argomenti senza l’assillo di scadenze e del...

Senza fissa dimora al cinema!

È stato proiettato giovedì 27 gennaio in Stazione Centrale a Milano il film “Chloe & Theo”. Anteprima cinematografica dedicata a 30 persone senza dimora, accomodate su vere poltrone da cinema posizionate sotto un maxi ledwall. L'iniziativa è stata organizzata da...

Fratelli tutti in cammino verso Dio

Di Andrea Miccichè   L’enciclica Fratelli tutti si conclude nello stesso modo in cui era cominciata: Papa Francesco, all’inizio, ha confidato come l’idea di un documento sulla fraternità umana sia nata dall’incontro di Abu Dhabi con il Grande Imam Ahmad...

Centinaia di bambini mi chiamano papà

Don Sergej Goman è un missionario salesiano originario della Bielorussia. Poco più che quarantenne, ha trascorso la maggior parte della sua vita religiosa nell’Africa Occidentale. In Sierra Leone si è dedicato ai bambini di strada, agli orfani dell’Ebola e durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi